È online il nuovo portale istituzionale del Ministero delle Politiche agricole, che segue le linee guida per i siti web della Pubblica Amministrazione sviluppate dall’Agenzia per l’Italia Digitale. “La trasparenza nei rapporti tra Pubblica Amministrazione e cittadini – commenta il Ministro Maurizio Martina – è un elemento fondamentale al quale stiamo lavorando anche attraverso strumenti come il web e i social media. Il sito istituzionale rinnovato è una porta aperta, affinché imprenditori agricoli, giovani, operatori, possano trovare più facilmente risposta alle loro esigenze”.

I contenuti del portale sono stati riorganizzati per dare vita a una comunicazione semplice e diretta. L’obiettivo, informa il Mipaaf, è di “offrire servizi aggiornati sempre più digitali e interattivi, nell’ottica della semplificazione e della trasparenza, per rendere più facile la fruizione delle novità e degli argomenti del settore agricolo italiano”. Il Ministero è attivo anche sulle piattaforme sociale e il restyling del sito web istituzionale “rappresenta un ulteriore passo avanti dopo l’apertura degli account Twitter, Flickr, YouTube, Linkedin e Facebook”. “In questi anni abbiamo valorizzato lo strumento della consultazione pubblica su temi come la semplificazione o l’etichettatura e la risposta è stata importante – dice Martina – Il nostro interesse è quello proseguire su questa strada nell’ascolto anche attraverso il digitale”.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)