Enel si conferma leader per la qualità dei servizi telefonici offerti alla clientela sia per il servizio di maggior tutela, con Enel Servizio Elettrico, sia per il mercato libero con Enel Energia, rispettivamente al primo e al secondo posto della graduatoria semestrale realizzata dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas sul servizio offerto dai numeri verdi dei maggiori venditori di elettricità e gas. La classifica riguarda il primo semestre 2013 e compara la qualità dei call center delle aziende di vendita di energia elettrica e gas con oltre 50mila clienti. La classifica è strutturata su una serie di punteggi assegnati ai singoli call center per i livelli di qualità effettivamente offerti ai clienti; i punteggi vengono assegnati sulla base dei livelli di servizio quali la disponibilità delle linee telefoniche, i tempi di attesa, la chiarezza delle risposte, la cortesia degli operatori, la capacità di risolvere il problema nel minor tempo possibile.
“Siamo l’azienda leader nella qualità del servizio e riceviamo dal 2010 questa importante conferma da parte dell’Autorità”, commenta il direttore della Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia, Gianfilippo Mancini. Aggiunge Luca Solfaroli Camillocci, responsabile Customer Service della Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia di Enel: “Rispondiamo a 50 milioni di chiamate l’anno offrendo tutti i giorni, 24 ore al giorno 7 giorni su 7, una risposta concreta alle esigenze dei nostri clienti. Qualità del servizio, innovazione e passione sono i princìpi che guidano il nostro lavoro, insieme all’attenta selezione e formazione dei migliori partner e l’offerta di una multicanalità di contatto efficiente per assecondare tutte le esigenze gestionali e commerciali dei nostri 31 milioni di clienti che, oltre al call center numero 1, hanno a disposizione una rete eccellente di negozi su tutto il territorio nazionale, il sito web e la nuova App Enel Energia”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)