Più di anno fa Federconsumatori e Adusbef lanciavano un monito: “E’ una vergogna che nessun governo europeo, né la solerte Commissione europea, abbia ancora richiamato i vertici dell’Esma”. Quello che sosteneva allora le Associazioni, nell’incredulità generale, era che Standard & Poor’s, Fitch e Moody’s” non possono operare in Europa non avendo superato l’esame previsto dall’Esma, l’Autorità di vigilanza europea sui mercati e le borse.Oggi che Moody’s ha declassato 26 nostre banche, la questione è tornata d’attualità suscitando il dissenso dell’Associazione Bancaria Italiana e per le Associazioni dei Consumatori si tratta di una ‘rivincita’: “Noi le avevamo denunciate per atti speculativi e conflitto di interessi, così come avevamo messo in guardia ben prima del 2007 – dichiarano Elio Lannutti e Rosario Trefiletti-  il disastro che avrebbero procurato i famigerati derivati finanziari e che tutt’ora stanno procurando alle economie di tutti i Paesi. Da tutto ciò dovrebbe scaturire l’insegnamento che la nostra classe dirigente, politica e non, fosse più attenta alle denunce della società civile e di chi studia quotidianamente i fenomeni economici che ricadono sui cittadini. Ecco, si studi di più e si ascolti di più”.
Intanto dalla Consob trapela la notizia che la Commissione ha convocato i rappresentanti dell’agenzia di rating Moody’s in Italia, per avere chiarimenti sul downgrade di 26 banche italiane. Ancora da definire la data dell’incontro.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)