Si chiama “L’occhio del consumatore”, la nuova trasmissione del canale SpazioEconomia di Spazioconsumatori.tv. Nella puntata di oggi, Economia, non serve essere degli esperti per imparare l’abc, l’opinione dei cittadini è molto chiara: “non so”, “non  mi interessa”, “non capisco”, “non ho mica studiato economia”. Queste le risposte dell’uomo della strada a cui si chiede il significato di parole come spread, spending review, inflazione o btp. 
“Oggi stiamo attraversando una fase simile a quella degli inizi del 900 quando la maggior parte del sistema economico era basato sull’agricoltura. Gli agricoltori non erano alfabetizzati, non ritenevano fosse necessario per lavorare la terra. Invece l’asimmetria informativa, ovvero l’incapacità usare gli strumenti dell’alfabetizzazione, creava evidentemente una disparità profonda con altri soggetti, come anche le imprese e i mercati di riferimento” spiega nel corso della trasmissione Angelo Deiana, Presidente Confassociazioni.
Per la prima puntata della rubrica “L’occhio del consumatore” è possibile cliccare qui oppure collegarsi al sito www.spazioconsumatori.tv.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)