Rc auto, Ivass: nel primo trimestre 2022 è in media di 353 euro (foto: pixabay)

Nel primo trimestre 2022, il prezzo medio effettivo pagato per la garanzia rc auto è in media di 353 euro. Il 50% degli assicurati paga meno di 317 euro, il 90% meno di 559 euro e solo il 10% meno di 186 euro. Il prezzo dell’rc auto si è ridotto di 14 euro (-3,8%) su base annua mentre, rispetto al primo trimestre del 2014, la riduzione è del 28,8% (meno 143 euro).

Sono gli ultimi dati diffusi oggi dall’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, con l’indagine sui prezzi effetti per la garanzia r.c. auto nel primo trimestre dell’anno.

Il differenziale di premio tra Napoli e Aosta è di 252 euro, in diminuzione dell’11% rispetto allo stesso periodo del precedente anno e del 48,2% rispetto al primo trimestre del 2014. Prosegue dunque, spiega il documento Ivass, il processo di convergenza dell’rc auto per le due province: il differenziale dei premi effettivamente pagati tra le due province ammonta a 252 euro – 533 a Napoli contro 281 euro ad Aosta.

La scatola nera

Un quarto delle polizze prevede la black box. Il 21,1% delle polizze stipulate nel primo trimestre del 2022 prevede una clausola con effetti di riduzione del premio legata alla presenza di scatola nera.

Il tasso di penetrazione della scatola nera, spiega l’Ivass, segue una tendenza di generale aumento fino alla metà del 2020 mentre nel primo trimestre di quest’anno è in calo di quattro decimi di punto percentuali su base annua.

La scatola nera è più diffusa in province caratterizzate da un livello del premio particolarmente elevato: Caserta (65%, 478 euro), Napoli (52,7%, 533 euro) e Crotone (39,2%, 395 euro). Il tasso di penetrazione della black box è minimo a Bolzano dove si ferma al 4,4%.

Rc auto per età

Gli assicurati sotto i 25 anni pagano in media 662 euro contro i 337 euro degli over 60.

I prezzi dell’rc auto variano in funzione con l’età. Nel primo trimestre 2022 gli assicurati con età minore di 25 anni pagano 249 euro in più rispetto a quelli con età compresa tra 25 e 34 anni (413 euro), 312 euro in più rispetto agli assicurati con età tra 45 e 59 anni (349 euro) e 325 euro in più rispetto agli over 60 (337 euro). C’è stata qualche riduzione ma più bassa rispetto all’andamento nazionale. Il premio medio per gli assicurati sotto i 25 anni si è infatti ridotto del -11,2% rispetto al primo trimestre del 2014, ad una velocità nettamente inferiore rispetto alla dinamica di flessione nazionale (-28,8%).

UNC: bene ma calo inadeguato

«Bene, prosegue il calo dell’rc auto, da 367,2 euro di un anno fa a 353,4 euro, -13,8 euro, con una riduzione del 3,8% sul primo trimestre 2021 – commenta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori – Temevamo che le compagnie, come aveva preannunciato l’Ania, volessero rifarsi dell’inflazione. Invece, almeno per il momento, il pericolo è scongiurato. Sarebbe stato vergognoso, visto il crollo degli incidenti e i lauti profitti incassati dalle compagnie durante il lockdown. La diminuzione, comunque, è ancora inadeguata e il divario tra Aosta e Napoli, nonostante la diminuzione dell’11%, è ancora un abisso pari a 252 euro».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)