Operazione inadeguata al profilo di rischio del cliente. La banca non ha fornito informazioni adeguate sulla natura e sui rischi dell’acquisto delle obbligazioni Argentina. E così, dopo dieci anni di battaglia legale, per una coppia di risparmiatori di Bari che avevano visto volatilizzarsi i risparmi investiti in Bond Argentina è arrivata la pronuncia del giudice d’appello che riconosce loro il risarcimento dovuto. La Corte d’Appello di Bari ha infatti condannato la Banca di Credito Cooperativo di Alberobello e Sammichele di Bari a risarcire una coppia di coniugi per i risparmi investiti in Bond Argentina.

A darne notizia è l’Adusbef Puglia, che ha seguito l’odissea dei due risparmiatori. La vicenda giudiziaria è infatti iniziata nel 2007 quando la coppia ha deciso di far causa alla banca dopo aver visto andare in fumo i propri risparmi fatti investire in obbligazioni della Repubblica Argentina, uno dei più grossi crack finanziari della storia. La Corte d’Appello di Bari con una articolata sentenza (Presidente e Relatore dott. Egiziano di Leo, Consiglieri. S. Grillo e M.T. Giancaspro), ha condannato anche in appello la banca a risarcire i consumatori, obbligandola a restituire le somme investite oltre interessi e le spese del doppio grado del giudizio. Si legge nella sentenza della Corte d’Appello: “E’ evidente l’inosservanza, da parte della banca intermediaria, dell’obbligo di correttezza posto a suo carico dalla legge, avendo la stessa compiuto l’operazione di investimento, nonostante non avesse opportunamente avvisato la (…) cliente dell’inadeguatezza, rispetto al suo profilo di rischio, dell’operazione in questione”. La Corte scrive poi che la banca  “non ha dimostrato di aver fornito … adeguate e specifiche informazioni sulla natura, sui rischi e sulle implicazioni della operazione di acquisto delle obbligazioni “Argentina”.

Una lunga battaglia dunque ma con il riconoscimento dei diritti dei risparmiatori. Spiega l’avvocato Massimo Melpignano, vicepresidente Adusbef per la Puglia, che ha difeso i consumatori contro la banca: “Ci sono voluti 10 anni di battaglia giudiziaria e due gradi del giudizio per far affermare anche in questo caso il principio della specifica responsabilità professionale della banca, che ha l’obbligo di fornire informazioni approfondite ai clienti e di verificare che l’investimento sia compatibile con le conoscenze finanziarie e la propensione al rischio dei consumatori. Un grazie particolare va ai cittadini protagonisti di questa vicenda giudiziaria, che per tutto questo tempo non hanno mai smesso di lottare e di credere nella Giustizia. Ci auguriamo che questa storia sia d’esempio positivo per le tante persone che oggi sono impegnate per recuperare i risparmi persi in azioni svalutate ed in azioni illiquide”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “Bond Argentina, Adusbef Puglia: BCC condannata a risarcire coppia di risparmiatori

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: