Il gioco d’azzardo non conosce crisi. Nel 2022 stimata raccolta di 140 miliardi (foto pixabay)

Il gioco non conosce crisi e il gioco d’azzardo cresce, soprattutto nell’online. Nonostante pandemia e lockdown, con le diverse riaperture torna a crescere la raccolta da gioco, soprattutto per l’aumento del gioco a distanza. Secondo le previsioni dell’Agenzia delle Accise, Dogane e dei Monopoli (ADM) nel 2022 gli italiani tireranno fuori per le varie tipologie di gioco una cifra che potrà arrivare a 140 miliardi di euro.

Le stime preliminari di ADM parlano infatti per il 2022 di una raccolta da gioco pari a 135-140 miliardi di euro, con un aumento del 30%. Dopo il crollo del 2020 a causa del lockdown, nel 2021 il gioco fisico è aumentato di oltre il 12% e quello a distanza di oltre il 36%, quest’ultimo ampiamente superando i livelli del 2019.

 

ADM gioco fisico vs a distanza

Il gioco torna a crescere: 111 miliardi di euro nel 2021

La fotografia del settore giochi che emerge dal Libro Blu 2021 di ADM vede un ritorno alla crescita per il gioco d’azzardo, dopo la “pausa” obbligata e la flessione della raccolta che si è avuta nel 2020 causa pandemia.

La raccolta dal gioco, dopo la flessione nel 2020, è di nuovo risalita. Ammontava infatti a 110,4 miliardi di euro nel 2019, è scesa a 88,2 miliardi di euro nel 2020 poi è risalita nel 2021 a 111,17 miliardi di euro, in aumento di oltre il 25% e superiore anche al periodo pre-pandemia.

Cresce il gioco online

A crescere è soprattutto l’online, mentre l’azzardo “fisico” non è tornato ai livelli precedenti il Covid. Il gioco online è infatti passato da 36,3 miliardi di euro del 2019 a 49, 2 miliardi del 2020 ed è arrivato a 67,1 miliardi del 2021. Il gioco fisico passa invece dai 74 miliardi del 2019 ai 39 miliardi del 2020 per risalire a 44 miliardi nel 2021.

Il comparto del gioco legale in Italia viene misurato attraverso quattro dimensioni: la raccolta, che è l’ammontare complessivo delle puntate fatte dalla collettività dei giocatori; le vincite, ovvero il totale delle somme vinte dai giocatori; la spesa, che corrisponde all’effettiva perdita dei giocatori; l’erario, che costituisce l’ammontare derivante dall’imposizione fiscale e dal differenziale tra Raccolta, Aggi e Vincite dei giochi che entra nelle casse pubbliche.

A differenza dell’anno precedente, si legge nel Libro Blu, “nel 2021 si registra un incremento di tutte le dimensioni del gioco: 25,98 per cento per la Raccolta, 27,06 per cento per le Vincite, 19,60 per cento per la Spesa e 16,20 per cento per l’Erario. Tale incremento è dovuto, soprattutto, all’allentamento delle misure restrittive nella seconda metà dell’anno e alla riapertura degli esercizi fisici”.

Dai numeri emerge anche un graduale cambiamento nel comportamento di gioco e nelle abitudini dei giocatori che passano verso e tipologie di gioco con pay-out (percentuale minima di vincite che deve essere restituita ai giocatori ) più remunerativi rispetto agli apparecchi da intrattenimento.

Grazie alla riapertura dei punti gioco sul territorio, la raccolta del gioco fisico (ad esempio quello che viene dagli apparecchi) nel 2021 cresce del 12,68% rispetto al 2020, soprattutto per determinate tipologie di gioco: 48,36% per le lotterie, 30,20% per il lotto e 30,05% per i giochi numeri a catalizzatore. La raccolta del gioco a distanza aumenta del 36,53% rispetto al 2020 con un incremento del numero di conti di gioco aperti durante l’anno.

Il gettito derivante dagli apparecchi da intrattenimento continua a rappresentare la fetta più importante del gettito erariale. Nel 2021 il settore degli apparecchi da intrattenimento (AWP e VLT) rappresenta il 36,20% delle entrate totali, rispetto al 44,68% del 2020.

Per quanto riguarda l’attività di vigilanza e il contrasto al gioco illegale, il numero di esercizi controllati nel 2021 per il settore giochi è pari a 10.874. Sono stati inibiti 197 siti web privi di autorizzazione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Direttrice di Help Consumatori. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, società e ambiente, bambini e infanzia, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Hobby: narrativa contemporanea, cinema, passeggiate al mare.

Parliamone ;-)