Solo il 14% degli italiani ha pagato in contanti, invece che con moneta elettronica, nelle ultime 10 transazioni; il 25% ha effettuato con carta fino a 5 acquisti mentre il 36% è andato oltre. Il 39% giudica buona la propria conoscenza degli strumenti elettronici di pagamento(per il 23% è addirittura ottima, mentre è bassa per il 7%). Sono alcuni dei dati emersi dall’indagine IPSOS “Gli italiani e l’utilizzo delle carte di pagamento”. “I consumatori stanno acquisendo una consapevolezza sempre maggiore nell’utilizzo della moneta elettronica: ciò evidenzia una crescita culturale del nostro Paese e ci fa ben sperare nella lunga strada che stiamo percorrendo per contrastare l’evasione fiscale e l’economia sommersa che in Italia è pari al 21% del PIL” commenta Antonio Longo, presidente di Italian E-Payment Coalition (IEPC).
Ormai è caduta anche la barriera degli acquisti online con carta: i consumatori sono sempre più consapevoli dell’utilità della moneta elettronica e l’83% ha utilizzato una carta di pagamento (di credito, debito o prepagata) per effettuare acquisti online. Una percentuale alta, ma che può crescere ancora se soltanto il 25% ha effettuato una transizione contactless o attraverso smartphone.
C’è però ancora un certo timore nell’utilizzo delle carte di pagamento che spinge i consumatori verso il contante: secondo IPSOS, il 37% percepisce diffidenza da parte degli esercenti, soprattutto per importi di piccola quantità; il 30% teme le frodi nonostante i livelli di sicurezza nel nostro Paese siano tra i più alti d’Europa, a testimonianza della necessità di una maggiore informazione destinata ai cittadini che spieghi come evitare le truffe.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

2 thoughts on “Moneta elettronica, IEPC: cresce consapevolezza, ma occorre fare di più

  1. da qualche tempo comincio a vedere in molte attività commerciali dove ho sempre pagato con Bancomat i cartelli che avvisano la clientela che si può pagare con bancomat SOLO PER IMPORTI SUPERIORI A 30-40€ in altri che si accetta solo contanti. Le motivazioni che adducono sono: che la banca prende tempi lunghi per l’accredito oppure che in questo momento NON FUNZIONA. Un maggiore controllo e regolamentazione sulla materia E’ NECESSARIA.

  2. L’utilizzo della moneta elettronica su larga scala è l’unica soluzione plausibile alla pluriennale, e fin qui vana, lotta all’evasione fiscale; ma sembra che al governo questa “rivoluzione” tecnologica non piace mica tanto.. difatti ha innalzato la soglia dell’uso del contante a… 3 mila euro! Fantastico, così il nero e l’evasione continueranno alla grande ed i nostri conti pubblici sempre più a ramengo… Saluti

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: