Il denaro contante sparirà dall’Europa il 27 giugno 2017. No, non è affatto un’allarmante profezia, ma la “promessa”  ideale del No Cash Day, la giornata contro il denaro contante e per la promozione della cultura economica digitale che torna per il settimo anno consecutivo e sbarca anche in Europa. L’iniziativa, lanciata dall’associazione CashlessWay per la promozione e lo sviluppo di una cultura digitale, partirà da Bergamo e da Copenaghen.

Dopo un quinquennio esclusivamente italiano, annunciano i promotori dell’iniziativa, il No Cash Day sarà celebrato in tutta Europa, un territorio in cui si utilizza in media la carta di pagamento 86 volte all’anno. Naturalmente con enormi differenze da un paese all’altro e con l’Italia che non vanta certo numeri da primato: i più virtuosi nell’uso delle carte sono i Paesi nordici, in testa la Svezia con 250 operazioni l’anno pro capite, mentre in coda c’è la Bulgaria con 7 operazioni l’anno. Fra i Paesi più industrializzati che registrano basso utilizzo di carte si piazza l’Italia con 30 operazioni l’anno procapite.

Il prossimo 27 giugno, afferma i promotori della manifestazione, “tutti i cittadini europei sono invitati a utilizzare solo strumenti alternativi al contante” e a promuovere la cultura dei pagamenti digitali. Perché le transazioni elettroniche sono comode e veloci, mentre il denaro contante è “costoso”, “deperibile” e “poco salubre”. Uno studio della Banca Centrale europea ha evidenziato che l’Europa spende ogni anno lo 0,46% del suo PIL (60 miliardi di euro) per il denaro. E in Italia, dove il denaro cartaceo è più diffuso che altrove, i costi ammontano ad oltre 10 miliardi di euro, pari allo 0,52% del PIL (circa 200 euro a testa l’anno). Il costo industriale di fabbricazione delle micromonete, quelle da 1 e 2 centesimi di euro, è emblematico: coniare una monetina da 1 centesimo ne costa 4,5, mentre per fabbricarne una da 2 centesimi si spendono 5,2 cent.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “No Cash Day: il 27 giugno 2017 il contante “sparirà” dall’Europa

  1. Ottima idea, che però temo troverà molti contrasti, se di pari passo non sarà proposta l’eliminazione dei costi bancari legati all’uso della “moneta elettronica”. Se il governo vuole dare una svolta decisa e definitiva all’evasione fiscale, deve sì eliminare quasi del tutto il contante, (lasciarlo magari solo fino ad un massimo di 50 euro),ma al contempo dovranno essere aboliti i costi delle transazioni. Le banche son già parecchie ricche e possono fare a meno di tale balzello.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: