Il conto corrente bancario è senz’altro il prodotto bancario più noto. Si tratta di un investimento a bassa rischiosità, l’ideale per mettere al sicuro i propri risparmi e per effettuare numerose operazioni – dall’accredito della busta paga ai pagamenti e alla domiciliazione delle principali utenze (energia, gas, acqua). Al fine di chiarirci le idee sul conto più adeguato alle nostre esigenze possiamo mettere i conti corrente più vantaggiosi del momento a confronto considerando quelli delle principali banche.
Con l’aiuto di SuperMoney, unico portale di confronto in Italia accreditato Agcom, scopriamo quali sono i tre migliori conti del mese. Simuliamo il profilo di un correntista che abbia una giacenza media di 20 mila euro e sia alla ricerca di un conto ad alta operatività (per intenderci, le sue operazioni non si limitano all’accredito dello stipendio e al semplice tracciamento dei movimenti compiuti nell’arco delle ultime settimane). Le migliori opzioni secondo il confronto SuperMoney sono nell’ordine quelle di: WeBank.it, CheBanca! e Ing Direct.
L’istituto online WeBank.it propone l’omonimo conto WeBank.it a zero spese. Non sono previste commissioni o spese di gestione (l’imposta di bollo è a carico dell’istituto).
Passiamo al conto online di CheBanca!, “Conto corrente senza assistenza in filiale”. Come il precedente è a zero spese: tutte le operazioni vengono svolte direttamente online, in assoluta comodità.
Concludiamo, infine, con il popolare “Conto arancio” di ING Direct, l’istituto con la zucca. Anche qui, non sono richieste spese di gestione né commissioni sulle operazioni svolte.
La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito SuperMoney.eu

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)