Dopo le 4 banche e dopo il fondo immobiliare di poste, stavolta a mandare in fumo i risparmi dei cittadini è la forte crisi che ha investito il mondo delle cooperative.

La crisi economica, infatti, unita alla cattiva gestione delle cooperative da parte di alcuni amministratori e gruppi dirigenti e ad un sistema di vigilanza del tutto inadeguato, ha determinato perdite per decine di milioni di euro, oltre a numerosi posti di lavoro. Solo in Emilia Romagna sono andati persi 100 milioni di euro.

Ma nessuno ne parla”, commentano Federconsumatori e i Comitati dei Soci che si sono costituiti in tutta Italia. Per rivendicare la dovuta considerazione da parte del Parlamento e del Governo, il 18 maggio, alle ore 11:00, a Piazza Montecitorio si terrà una manifestazione di protesta.

Il Governo deve rendersi conto che non esistono risparmiatori di serie B. È ora di disporre un nuovo quadro normativo, che preveda tutele e controlli sul prestito sociale. È ora di rivolgere la dovuta attenzione al progressivo sgretolamento di un mondo di valori e competenze, che porta con sé enormi perdite economiche. È ora di definire soluzioni eque per risarcire i risparmiatori coinvolti nelle situazioni di crisi ancora aperte”, affermano con fermezza dall’associazione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)