ASviS, ottava edizione del Festival dello sviluppo sostenibile: guardiamo al futuro (Foto credit https://2024.festivalsvilupposostenibile.it/)

L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) annuncia il ritorno del Festival dello Sviluppo Sostenibile, giunto alla sua ottava edizione. Quest’anno l’evento si svolgerà dal 7 al 23 maggio 2024, con un programma articolato in sei tappe principali che coinvolgeranno le città di Ivrea, Torino, Bologna, Milano, Palermo e Roma. Con oltre mille eventi promossi dalla società civile sia in Italia che nel mondo, il Festival mira a promuovere la consapevolezza e l’azione verso un futuro sostenibile.

Il Festival dello Sviluppo Sostenibile rappresenta un’opportunità per riflettere sulle sfide globali e per impegnarsi attivamente nel promuovere uno sviluppo equo e sostenibile. Con il coinvolgimento di oltre 320 organizzazioni della società civile italiana e la media partnership della Rai e dell’ANSA, l’ASviS continua a svolgere un ruolo nella promozione della cultura della sostenibilità e nell’implementare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Le novità di quest’anno: il podcast “L’elefante nella stanza” e la campagna “Guardiamo al futuro”

Tra le novità più significative di quest’anno il lancio del podcast “L’elefante nella stanza“, che affronta tematiche cruciali riguardanti il futuro dell’Africa. Prodotta da Rai Radio in collaborazione con ASviS e Amref Health Africa, questa serie di podcast si propone di sfidare gli stereotipi diffusi sul continente africano attraverso un approccio ironico e illuminante.

Oltre al podcast, un’altra iniziativa è la campagna “Guardiamo al Futuro”, realizzata in collaborazione con l’agenzia BAM. Con lo slogan #guardiamoalfuturo, la campagna invita a immaginare un mondo migliore e a tradurre questa visione in azioni concrete per costruire un futuro sostenibile. Lo spot del Festival, con la voce di Fabio Volo, sarà trasmesso sulle reti Rai e altri media, sottolineando l’importanza di aprire gli occhi e agire per il bene comune. Come parte integrante della campagna, l’ASviS propone anche una “call to action” per coinvolgere attivamente il pubblico sui social media. Invita gli utenti a condividere il loro impegno per un futuro sostenibile, utilizzando gli hashtag #GUARDIAMOALFUTURO e #FestivalSviluppoSostenibile e taggando l’ASviS sulle principali piattaforme social.

 

 

Brainstorming finale, appuntamento alla Camera dei deputati

Il Festival si concluderà il 23 maggio a Roma, presso l’Aula dei Gruppi della Camera dei deputati, dove saranno presentati i risultati e le proposte emerse durante le sei tappe del percorso. Un momento importante di confronto con le istituzioni per garantire che gli obiettivi di sviluppo sostenibile rimangano al centro dell’agenda politica e sociale.

“Le oltre mille iniziative che animano il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2024 dimostrano che l’interesse verso i temi della sostenibilità è sempre più radicato e trasversale in ogni ambito della vita del Paese, nel pubblico e nel privato – afferma il direttore scientifico dell’ASviS, Enrico Giovannini – Accanto alla società civile, alle istituzioni educative e culturali e alle amministrazioni pubbliche centrali e locali, il Festival coinvolge in maniera sempre più profonda anche le aziende, protagoniste fondamentali della transizione verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale. Il 7 maggio, nell’evento di apertura del Festival che si tiene presso le ex officine Olivetti di Ivrea, presenteremo un Rapporto sugli scenari per l’Italia al 2030 e al 2050 che contiene, tra l’altro, un’inedita analisi sviluppata con Oxford Economics sulla relazione fra transizione energetica e variabili macroeconomiche, per evidenziare le scelte da compiere oggi nel campo delle politiche industriali e degli investimenti, in modo da assicurare un futuro di prosperità per l’Italia ed evitare non solo gli scenari catastrofici, ma anche il peggioramento delle condizioni socioeconomiche del Paese”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)