Obsolescenza programmata, Altroconsumo ed Eurconsumers pronti alla class action contro Apple

Obsolescenza programmata, Altroconsumo ed Eurconsumers pronti alla class action contro Apple

L’Antitrust multa Apple per gli iPhone che non resistono all’acqua. E i consumatori promettono battaglia.

C’è chi annuncia azioni legali e chi sottolinea il tema delle sanzioni, soprattutto quando a essere multato è un colosso della tecnologia. La multa dell’Antitrust a Apple è di 10 milioni di euro, la più alta possibile. Questo però non scalfisce più di tanto il gigante del tech, accusato di pratiche commerciali ingannevoli per aver pubblicizzato come resistenti all’acqua i suoi iPhone.

 

iphone
iPhone resistenti all’acqua? Antitrust multa Apple. Fonte: provvedimento Antitrust, novembre 2020

 

Gli iPhone non sono resistenti all’acqua

La notizia è di oggi. L’Antitrust ha sanzionato Apple per la diffusione di messaggi promozionali su diversi modelli di iPhone che venivano pubblicizzati come resistenti all’acqua per una profondità massima variabile fra 4 metri e 1 metro, a seconda dei modelli, e fino a 30 minuti.

Il consumatore era indotto a pensare che gli iPhone fossero water proof: errato.

Apple inoltre indicava che “la garanzia non copre i danni provocati da liquidi”. Cosa che è stata ritenuta idonea a ingannare i consumatori non chiarendo a quale tipo di garanzia si riferisse (garanzia convenzionale o garanzia legale).

I Consumatori fra azioni legali e multe irrisorie

Per il Codacons, che promette azioni legali, la sanzione è «decisamente irrisoria rispetto al danno provocato agli utenti».

Sostiene il presidente dell’associazione Carlo Rienzi: «Dopo l’obsolescenza programmata, con aggiornamenti dei software che rallentavano le prestazioni dei telefonini spingendo i consumatori ad acquistare nuovi modelli, Apple finisce nuovamente nel mirino del Codacons e dell’Antitrust per pratiche scorrette verso gli utenti. Tuttavia la multa da 10 milioni di euro è irrisoria e in grado di fare appena il “solletico” al gigante delle tlc, che grazie alle sue pratiche scorrette incamera guadagni stratosferici».

Si sta mobilitando anche Codici, che sta avviando un’azione di classe per tutelare i consumatori e sottolinea la necessità di non farsi incantare dalla pubblicità.

«Siamo parte del procedimento – dice Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e stiamo raccogliendo le segnalazioni di chi ha avuto problemi con Apple. Promuoveremo un’azione di classe per il doveroso risarcimento. Questa è una vicenda paradigmatica di quanto possa essere ingannevole la pubblicità».

 

iphone antitrust
iPhone resistenti all’acqua? Antitrust multa Apple. Fonte: provvedimento Antitrust, novembre 2020

 

UNC: togliere il tetto alle multe

I messaggi promozionali sulla capacità di resistenza all’acqua degli iPhone sono ingannevoli. Ma a sottolineare il reale impatto delle sanzioni su un colosso come Apple è anche l’Unione Nazionale Consumatori.

«Non si può ingannare il consumatore, illudendolo circa le caratteristiche del prodotto, mostrando il dispositivo immerso nell’acqua come se fosse resistente e impermeabile e poi neanche applicare la garanzia per i danni provocati da liquidi. Una doppia beffa che hanno portato giustamente l’Antitrust ad una doppia sanzione, la massima possibile – dice Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori – Purtroppo, per una tale colosso sarebbe stato utile superare il tetto di 5 milioni di euro per pratica scorretta. Da anni chiediamo di togliere il tetto alle multe di tutte le Authority e di prevedere che le sanzioni siano sempre, per legge, superiori all’illecito guadagno, altrimenti non potranno avere un reale effetto deterrente».

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)