Treccani cambia il vocabolario. Ora le parole sono anche al femminile (foto www.treccani.it)

Tutti i giornali ieri riportavano la notizia che la nuova edizione del vocabolario Treccani, che verrà pubblicata ad ottobre, conterrà una rivoluzione: sostantivi e aggettivi saranno indicati sia al femminile che al maschile.

Come scrive il post qui  “nei dizionari italiani pubblicati fino a oggi, la maggior parte dei femminili (alta, bassa, bella, buona, gatta, fioraia, amica, etc) o non compaiono come voci, oppure compaiono ma con il riferimento al termine maschile (per esempio: “alta, femminile singolare di alto”). Treccani ha dato a femminili e maschili la stessa importanza indicandoli entrambi in un’unica voce (o in due voci separate, in alcuni casi specifici) e disponendoli in ordine alfabetico: “amica, amico” oppure “direttore, direttrice”.

Treccani e il femminile, la prima volta

È quindi davvero una prima volta. Ovviamente i vocabolari negli anni si sono sempre rinnovati e allineati con i cambiamenti della lingua parlata (che è di per sé dinamica, in quanto legata al pensiero, ai valori, alle esperienze della società), ad esempio attraverso la sezione neologismi.

In questo caso si è voluta tracciare una svolta culturale definitiva, legata al tema da tempo molto dibattuto della inclusività, del rispetto della diversità e della parità di genere.

Si tratta di una questione sostanziale, non solo formale, legata ai diritti: l’indicazione del femminile insieme al maschile nel vocabolario vuole riparare a un vizio originario, legato al fatto che i vocabolari sono stati elaborati sempre da uomini.

“Per la prima volta – si legge nella nota di Treccani qui  – vedremo registrati dei nomi identificativi di professioni che, per tradizione androcentrica, finora non avevano un’autonomia lessicale: notaia, chirurga, medica, soldata. Per eliminare anche gli stereotipi di genere – secondo i quali a cucinare o a stirare è immancabilmente la donna, mentre a dirigere un ufficio o a leggere un quotidiano è puntualmente l’uomo – Treccani propone nuovi esempi di utilizzo e contestualizzazione ed evidenzia il carattere offensivo di tutte le parole e di tutti i modi di dire che possono essere lesivi della dignità di ogni persona”.

Parità di genere e metoo

Il tema non è in realtà tutto qui, non è semplice e per niente pacifico. Il dibattito sulla parità di genere, della lotta al patriarcato, responsabile di soprusi, ingiustizie e discriminazioni reiterati nei confronti del genere femminile è un tema storico delle battaglie del femminismo, che è salito di nuovo alla ribalta con il #metoo, quel movimento che si è sviluppato in rete a partire dall’ottobre 2017 per denunciare la diffusione di violenza sessuale e molestie subite dalle donne soprattutto sul posto di lavoro.

Da qui il dibattito si è diffuso e allargato al più ampio tema dell’inclusività e del rispetto della diversità, fino ad approdare un nuovo punto di vista per definire i generi, che introduce nuove categorie non prive di complessità: il genere non è la stessa cosa del sesso e non è la stessa cosa dell’orientamento sessuale. Questo dibattito ha ricadute su tutti gli ambiti della nostra vita: culturale, linguistica, sociale, politico, individuale.

La questione della lingua

La lingua sembra essere uno dei terreni più dibattuti, l’arena dove lo scontro è più acceso. La lingua è la materia dove si stanno tentando importanti operazioni chirurgiche. Pensiamo all’introduzione degli asterischi alla fine di un termine per levare la definizione di genere (amic*) che di per sé può dare luogo a discriminazioni, fino all’introduzione della schwa, una desinenza finale neutra che si usa al posto dei plurali maschili universali per rendere la lingua neutra.

Quindi ci si chiede: ma la lingua non è solo il sintomo? Non è solo il fenomeno a valle dell’impostazione culturale? Che importanza ha cambiare la lingua se il problema non è di forma?

In molti sostengono che sia così, altri invece sostengono che cambiando la forma cambi anche il pensiero. Alcuni assumono posizioni più radicali, in nome di un progressismo assoluto, e quindi vediamo anche nascere manuali sul genere pensati già per i più piccoli, dove viene indicato che è sbagliato affermare che le mestruazioni le hanno solo le femmine. Oppure abbiamo assistito a grandi proclami da parte di centri di eccellenza della cultura, come le università americane, che hanno tolto la cattedra a professori illustri perché improvvisamente tacciati di essere discriminatori, o razzisti, o sessisti. Si è approdati a quella che viene chiamata la cancel culture, che ha iniziato anche a far sentire la sua longa manus a ritroso, sulla cultura del passato, con casi di censura di opere storiche, tra film, libri, dove erano rappresentati modelli maschili e femminili non rispettosi della parità di genere.

Il dibattito è aperto e continua ad essere complesso. Ancora una volta prendere una posizione non è facile. Chiudiamo quindi con una piccola bibliografia per cercare di orientarci nel cambiamento.

Il Post- Cose Spiegate bene: Questioni di un certo genere, edizioni Iperborea

Vera Gheno, Femminili singolari, edizione effequ

Luca Boschetto, Italiano Inclusivo – https://italianoinclusivo.it/

Andrea De Benedetti, Così non schwa, Einaudi edizioni Vele

Bell hooks, La volontà di cambiare, il Saggiatore

Emma Cline, Daddy, Einaudi stile libero big


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Valeria Cecilia
Valeria Cecilia
Romana, classe ‘73. Dopo la laurea in Scienze Politiche ho iniziato a scrivere, tra un lavoro e l’altro (ho cambiato 13 aziende, volutamente, nei primi 5 anni), per Time Out e Zu Zone Urbane, poi per D di Repubblica, la Repubblica, L’Unità, Italia Oggi. Dal 2005, sempre come libera professionista, ho iniziato a occuparmi di comunicazione, ufficio stampa e poi social media, per agenzie di Relazioni Pubbliche e aziende. Nel frattempo ho frequentato molti corsi di scrittura e editing in diversi scuole, e così, nel 2021, ho provato a realizzare un sogno e cambiare tutto: ho fondato insieme a Valentina Murmura chiticredidiessere.com e ho iniziato a fare l’editor free lance per autori, editori e organizzazioni private. Collaboro con il Foglio e ho sempre nuovi progetti.

Parliamone ;-)