viaggio

La Commissione Ue propone aggiornamenti sulle misure di viaggio

Niente test o quarantena per le persone vaccinate, mentre chi non è vaccinato dovrà fare il tampone. Nell’ambito familiare, se i genitori non devono sottoporsi a quarantena deve valere la stessa regola per i figli. La Commissione europea ha proposto oggi di aggiornare la raccomandazione del Consiglio sul coordinamento delle restrizioni alla libera circolazione nell’UE, messe in atto in risposta alla pandemia di Covid-19.

«Gli europei dovrebbero godersi un’estate sicura e rilassante – ha scritto su twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – Con l’avanzare della vaccinazione, proponiamo di facilitare gradualmente le misure di viaggio in modo coordinato con il nostro strumento comune: il certificato digitale COVID dell’UE. Porterà chiarezza e prevedibilità quando riprenderemo viaggi liberi nella Ue».

 

turista con mascherina
Si chiamerà certificato Covid digitale Ue. Accordo fra Parlamento europeo e Consiglio

 

Bruxelles: alleggerire le misure di viaggio

La proposta di aggiornamento di Bruxelles prevede che le persone completamente vaccinate, con documenti in linea col certificato digitale Covid europeo, dovrebbero essere esentate dai test di viaggio o dalla quarantena, 14 giorni dopo aver ricevuto l’ultima dose. E questo dovrebbe riguardare anche le persone guarite che hanno ricevuto una singola dose di vaccino.

«Poiché la situazione epidemiologica sta migliorando e le campagne di vaccinazione stanno accelerando in tutta l’UE – informa Bruxelles –  la Commissione propone che gli Stati membri alleggeriscano gradualmente le misure di viaggio, soprattutto per i titolari del certificato digitale COVID dell’UE».

La Commissione propone inoltre un freno di emergenza per affrontare la prevalenza di eventuali nuove varianti. Nella proposta ci sono anche disposizioni specifiche sui bambini per garantire l’unità delle famiglie in viaggio e un periodo di validità standard per i test.

Ha detto Didier Reynders, Commissario per la Giustizia: «Le ultime settimane hanno portato a una continua tendenza al ribasso dei numeri di infezione, a dimostrazione del successo delle campagne di vaccinazione in tutta l’UE. Parallelamente, stiamo anche incoraggiando possibilità di test accessibili e ampiamente disponibili. In questo contesto, gli Stati membri stanno ora lentamente revocando le restrizioni COVID-19 sia a livello nazionale che per quanto riguarda i viaggi. Oggi proponiamo che gli Stati membri coordinino questa graduale revoca delle restrizioni alla libera circolazione, tenendo conto del nostro nuovo strumento comune: il certificato digitale COVID dell’UE. Ora ci aspettiamo che gli Stati membri utilizzino al meglio questo strumento e la raccomandazione per consentire a tutti di circolare di nuovo liberamente e in sicurezza».

 

 

 

Viaggio, le misure per vaccinati e guariti

Ma quali sono le misure di viaggio previste dalla Commissione europea? L’approccio di Bruxelles prevede che «le persone completamente vaccinate in possesso di certificati di vaccinazione in linea con il certificato digitale COVID dell’UE dovrebbero essere esentate dai test di viaggio o dalla quarantena 14 giorni dopo aver ricevuto l’ultima dose. Questo dovrebbe riguardare anche le persone guarite che hanno ricevuto una singola dose di un vaccino a 2 dosi».

Le persone guarite, in possesso di certificati in linea con il certificato digitale COVID dell’UE dovrebbero essere esentate dai test relativi ai viaggi o dalla quarantena durante i primi 180 giorni dopo un test PCR positivo.

La Commissione propone inoltre un periodo di validità standard per i test: 72 ore per i test PCR e, se accettati da uno Stato membro, 48 ore per i test rapidi dell’antigene.

Le famiglie e i bambini

Per garantire l’unità familiare, i minori che viaggiano con i genitori dovrebbero essere esentati dalla quarantena quando i genitori non devono sottoporsi a quarantena, ad esempio a causa della vaccinazione. Anche i bambini sotto i 6 anni dovrebbero essere esentati dai test relativi al viaggio.

Il freno di emergenza

C’è poi la previsione di un “freno di emergenza”. Gli Stati, dice la Commissione europea, dovrebbero reintrodurre misure di viaggio per le persone vaccinate e guarite se la situazione epidemiologica si deteriora rapidamente o se è stata segnalata un’elevata prevalenza di varianti preoccupanti.

 

map ecdc
Maps in support of the Council Recommendation on a coordinated approach to travel measures in the EU. www.ecdc.europa.eu

 

Le zone di colore Ue

Sulla base della mappa per zone di colore pubblicata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), la Commissione propone inoltre uno schema per cui non ci siano restrizioni per i viaggiatori provenienti da aree verdi.

Per i viaggiatori che vengono da aree arancioni, gli Stati membri potrebbero richiedere un test prima della partenza (antigene rapido o PCR). Per i viaggiatori provenienti dalle zone rosse, gli Stati membri potrebbero richiedere ai viaggiatori di sottoporsi a quarantena, a meno che non dispongano di un test prima della partenza (antigene rapido o PCR). Infine per i viaggiatoriprovenienti da zone rosso scuro: i viaggi non essenziali dovrebbero essere fortemente sconsigliati. Rimangono i requisiti di test e quarantena.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)