Italiani, un popolo di sciatori. Dal 2007 al 2011 il numero degli appassionati di sport invernali è aumentato del 21%, passando da 8,5 milioni a quasi 10,3 milioni, e la spesa media a stagione è di 7,3 miliardi di euro.
La spesa comprensiva di trasporto, alloggio, cibo, impianti, corsi di sci e divertimenti negli ultimi 3 anni per le settimane bianche è stata pressoché stabile, circa 600 euro a persona, inferiore di 8 punti percentuali rispetto al 2007/2008. La settimana bianca supera, per numeri, il weekend sulla neve, mentre fino al 2009 era il contrario. Nel 2011 il giro d’affari complessivo è stato di 7,3 miliardi di euro. Sono alcuni dati che emergono dalle analisi effettuate dalla Federalberghi tra gennaio e marzo 2011.
“Questi numeri – commenta il Presidente della Federalberghi, Bernabò Bocca – fotografano un fenomeno che senza tema di smentita rappresenta il pilastro sul quale poggia l’economia turistica di molte realtà montane italiane. L’auspicio è che le politiche nazionali e le scelte promozionali possano supportare una simile risorsa che consente all’Italia di competere ad armi pari con nazioni a vocazione sciistica ben più antica della nostra”.
Tra le località sciistiche più gettonate ci sono il Trentino-Alto Adige, che è la più “frequentata” in assoluto negli ultimi 5 anni con una media del 38,5% di domanda; seguono Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta (con l’8,9%, l’8,5% e il 7,8%). Completano il quadro Veneto e Abruzzo. Le strutture ricettive scelte per la settimana bianca sono, in maggioranza assoluta, l’albergo (il 48,1% della domanda); il 16,6% ha la casa di proprietà.
A colorare le vacanze bianche c’è una nota della Cia-Confederazione italiana agricoltori che segnala come la stagione sciistica calabrese si sia arricchita di due bevande, adatte a chi soffre di intolleranza alimentari: il “capriccino” e “cioccaprino”, due bevande calde a base di latte di capra, realizzato da un gruppo di agricoltori silani.
“Il latte di capra – spiega la Cia – ha ottime proprietà e costa poco di più del latte vaccino per la grande differenza produttiva dei due alimenti. Basti pensare che una capra realizza circa 2,5/3 litri di latte al giorno contro i 20/30 litri che può produrre una mucca. Anche il metodo di estrazione avviene, generalmente, in modo dissimile: nel caso delle mucche la mungitura è meccanizzata, mentre per le capre in molti casi è ancora manuale”. Per questi il “capriccino” è proposto al pubblico al prezzo di circa 2 euro contro 1,20/1,50 del cappuccino classico.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)