carburanti

Continuano a correre i prezzi di benzina e diesel

Continuano a correre i prezzi di benzina e diesel. C’è poco da fare per i consumatori alle prese con nuovi rialzi alla pompa che portano un aumento complessivo di circa 400 euro l’anno a famiglia per il rifornimento.

Secondo i dati settimanali del Ministero della Transizione ecologica, riportati dai Consumatori, la benzina, in modalità self service, arriva a 1,850 euro al litro, il gasolio a 1,722 euro al litro.

Da fine dicembre dello scorso anno un litro di benzina e di gasolio sono aumentati di circa 13 centesimi. In un anno, da febbraio 2021 a oggi, l’aumento percentuale è superiore di molto al 20%.

Benzina e diesel, un pieno costa 16 euro in più rispetto al 2021

«I nuovi rialzi dei carburanti alla pompa determinano maggiori costi per i rifornimenti pari a +400 euro annui a famiglia, e hanno effetti diretti sui prezzi al dettaglio di una moltitudine di prodotti», afferma Assoutenti, commentando i dati settimanali forniti oggi dal Mite.

«Oggi un litro di benzina costa il 21,9% in più rispetto allo scorso anno, mentre il gasolio vola al 23,9% – dice il presidente Furio Truzzi – Questo significa che un pieno costa in media 16,6 euro in più rispetto al 2021, con un aggravio di spesa di circa 400 euro a famiglia. A tali effetti diretti occorre aggiungere quelli indiretti sui prezzi al dettaglio, considerato che in Italia l’85% della merce viaggia su gomma».

L’associazione chiede al Governo di «convocare al più presto le associazioni dei consumatori allo scopo di studiare provvedimenti volti a contrastare il caro-benzina, partendo dall’indispensabile sterilizzazione dell’Iva e da una riduzione del peso delle accise, misura che oramai sembra non più rinviabile».

 

unc tabella
UNC prezzi carburanti febbraio 2022

 

Benzina, dall’inizio dell’anno +6,52 euro per un pieno

Dall’inizio dell’anno, calcola l’Unione Nazionale Consumatori, un pieno di benzina costa 6,52 euro in più, un litro di gasolio quasi 7 euro.

«La corsa dei prezzi dei carburanti è ormai inarrestabile – spiega il presidente UNC Massimiliano Dona – Dall’inizio dell’anno, in poco più di un mese e mezzo, un litro di benzina è rincarato di 13 cent, +7,6%, pari a 6 euro e 52 cent per un pieno di 50 litri, 156 euro su base annua, un litro di gasolio è aumentato di oltre 13 cent, +8,6%, 6 euro e 85 cent a rifornimento, equivalenti a 164 euro annui».

In un anno esatto, da febbraio 2021, «un pieno da 50 litri costa 16 euro e 57 cent in più sia per la benzina che per il gasolio, con un’impennata, rispettivamente, del 21,8% e del 23,8%. Una stangata, su base annua, pari a 398 euro sia per la benzina che per il gasolio».

L’UNC chiede che le accise vengano ridotte di almeno 20 centesimi per raffreddare i prezzi, che al pari di quelli dell’energia stanno facendo decollare l’inflazione e incidono sui costi di trasporto.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)