treno

Si è aperta con ritardi e disagi la settimana dei pendolari alla Stazione Termini di Roma, dove «per un inconveniente tecnico agli impianti di circolazione di Roma Termini» ci sono stati rallentamenti, ritardi e riprogrammazione del servizio a partire dalle 6.55 di questa mattina.

I ritardi segnalati dalle Ferrovie sono stati prima di 40 minuti, poi di 60 minuti, poi fino a 80 minuti, con cancellazioni, limitazioni e deviazioni di percorso per i treni a lunga percorrenza.

Nell’ultimo aggiornamento disponibile le Ferrovie informano che «sta tornando progressivamente alla normalità, dalle 8.35, la circolazione ferroviaria nel nodo di Roma, rallentata dalle 6.55 per un inconveniente tecnico agli impianti di circolazione di Roma Termini. I treni in viaggio hanno subìto ritardi fino a 80 minuti, mentre un regionale è stato cancellato e sette convogli limitati nel percorso».

 

 

Codacons chiede rimborsi

Un’altra giornata dunque di forti ritardi e disagi per gli utenti del trasporto ferroviario finita nel mirino del Codacons che chiede un rimborso automatico per gli utenti.

«Problemi di questo tipo si stanno verificando con eccessiva frequenza sia presso lo snodo di Roma Termini, sia sull’intera rete ferroviaria – ha detto il presidente Carlo Rienzi – Guasti che, seppur di durata limitata, creano disagi enormi ai viaggiatori, perché determinano ritardi a cascata dei convogli e la cancellazione dei treni, con conseguenti disservizi per gli utenti».

«Chiediamo – conclude il presidente Codacons – che i diritti dei consumatori siano pienamente garantiti, e che sia disposto il rimborso automatico dei biglietti in favore di tutti i viaggiatori coinvolti nei ritardi odierni».

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)