viaggiatore che aspetta il treno

Novità tariffarie per le Frecce di Trenitalia. Con polemica incorporata, come spesso accade quando di parla di tariffe, prezzi e trasporti. Dal 13 luglio, infatti, l’opzione «scelta posto» sulle Frecce comporta l’aggiunta di 2 euro al prezzo del biglietto, per viaggi su Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca.

«L’introduzione dell’opzione “scelta posto” a pagamento – ha annunciato Trenitalia in una nota – si è resa necessaria  per migliorare il processo di distribuzione dei viaggiatori sui treni, ottimizzato dall’assegnazione automatica, al fine di soddisfare il maggior numero di richieste fino alla saturazione dei posti disponibili».

 

Frecciarossa
La scelta del posto sulle Frecce costerà 2 euro

 

Sono esclusi i treni Intercity e IntercityNotte sui quali sarà possibile continuare a scegliere il posto gratuitamente. La scelta del posto, spiega ancora l’azienda, rimane gratuita anche per i clienti CartaFRECCIA Platino e Oro, le offerte dedicate ai clienti a mobilità ridotta, gli abbonati AV e Frecciabianca, i possessori di Carnet, i clienti Corporate, le Comitive, i clienti con biglietto Base, Bimbi Gratis, Diritto d’ammissione e per il livello di servizio Executive.

«In ogni caso, se al momento dell’acquisto non si desidera effettuare la scelta del posto, il sistema di vendita continua ad assegnarlo gratuitamente con le attuali modalità automatiche».

La novità tariffaria e le esclusioni connesse sono state ribadite dall’azienda in una seconda nota stampa che ha rilanciato la gratuità del posto per pendolari, clienti fedeli, tariffa Base e le altre opzioni già annunciate. Tutto bene, dunque? Non proprio, perché la novità tariffa non piace al Codacons che parla di un aumento delle tariffe ingiustificato rispetto al servizio.

La protesta del Codacons

L’associazione ha annunciato a stretto giro un esposto all’Antitrust e all’Autorità dei Trasporti contro la novità tariffaria. Che il Codacons ritiene senza mezzi termini «un rincaro delle tariffe a danno degli utenti delle ferrovie». Da qui l’annuncio di  un esposto alle Autorità affinché intervengano per valutare la correttezza dell’operato di Trenitalia.

«Il sovraprezzo di 2 euro per la scelta del posto – dice ancora il Codacons – appare un atto abnorme in quanto, a differenza degli aerei, sui treni non esistono elementi che differenzino in maniera sostanziale un posto dall’altro, tali da giustificare un incremento del costo del biglietto di 2 euro».

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

1 thought on “Trenitalia, 2 euro per la scelta del posto sulle Frecce. Codacons denuncia rincaro tariffe

  1. Ennesima gabella per colpire il maggior numero di viaggiatori (..delle classi BASSE…) e aumentare il ricavo dell’azienda con motivazioni PRETESTUOSE. Fortuna che c’è una nuova dirigenza….!!!! Ma pensano proprio che siamo tutti scemi???!!

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: