zucche

1° novembre, si torna a viaggiare

Si torna a viaggiare per il 1° novembre. La festa di Ognissanti, quest’anno di lunedì, fa tornare la voglia di viaggiare agli italiani, che andranno nelle località d’arte o si concederanno tre giorni di relax e divertimento in montagna, al mare e in famiglia. Per il 1° novembre ci saranno circa 10 milioni e mezzo di italiani in viaggio o in vacanza per il ponte, con destinazione Italia in nove casi su dieci. È una pre-apertura natalizia della stagione turistica per un giro d’affari che vale oltre 3 miliardi di euro.

Torna l’emozione per il viaggio

Si torna a viaggiare e si torna alla tradizione anche nelle mete e nelle destinazioni, che privilegiano le città d’arte, la montagna, il mare, il relax e il ricongiungimento con la famiglia.

Anche i motivi della mancata vacanza sono “da tradizione”, quelli che si rincorrevano anche prima della pandemia (ormai diventata il riferimento temporale di tutto: c’è un prima e un dopo). Quasi la metà degli intervistati (47,8%) ha rinunciato alla vacanza per mancanza di soldi. Il 34,6% per motivi familiari e il 25,5% per motivi di salute.

Il quadro viene dall’indagine fatta per Federalberghi dall’Istituto ACS Marketing Solutions sul movimento turistico degli italiani relativo alla prima vacanza pre-natalizia, quella che segna virtualmente l’apertura della stagione invernale. Il sondaggio telefonico è stato fatto su un campione di 3 mila persone.

«L’emozione per il viaggio sta tornando a farsi sentire. Gli italiani hanno scelto il ponte di Ognissanti per rompere gli indugi e ricacciare indietro la paura del contagio, grazie alla maggior sicurezza acquisita dall’alta percentuale di vaccinati», dice il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca.

 

dati federalberghi
Ponte 1° novembre, Federalberghi 2021

 

 

Il “ritorno alla tradizione” per il 1° novembre

Gli italiani in viaggio il 1° novembre sono un segnale di ripresa per il settore, il ritorno alla “tradizione” e al viaggio come vacanza e relax.

«Quello che traspare dai nostri dati – prosegue il presidente di Federalberghi – è che si ha forte il desiderio di tornare alla tradizione senza lasciare l’Italia ma anzi, immergendosi nello splendore delle nostre città d’arte, ovvero quelle che risultano essere le destinazioni prescelte dalla maggioranza dei viaggiatori. Il che significa dare linfa a località prestigiose e celebratissime del nostro Paese che tuttavia hanno patito e stanno ancora patendo gli effetti più devastanti della pandemia. C’è anche tanta voglia di ritrovarsi con i propri cari e di pianificare viaggi anche di prossimità. La montagna, seguita dalle località di mare, si rivela a sua volta una delle mete favorite dei viaggiatori che intendono godersi una pausa di relax e divertimento in occasione di un ponte peraltro beneficato dal calendario, che quest’anno fa cadere la festività nella giornata del lunedì».

 

zucche autunno

 

In vacanza il 1° novembre

L’indagine sugli italiani in vacanza il 1° novembre dice che si muoveranno circa 10 milioni 535 mila persone. Il 90,5% resterà in Italia e quasi il 70% di chi rimarrà nei confini nazionali viaggerà nella stessa regione di residenza.

Le destinazioni preferite per i viaggi di quest’anno saranno le località d’arte (27,7%), la montagna (22,5%) e il mare (20,5%). Seguono le località termali (6,8%) e il lago (5,9%). Per chi andrà all’estero, circa il 9,5% dei viaggiatori, le mete più ambite saranno le grandi capitali europee (63%), il mare (13,1%), le grandi capitali extraeuropee (13%) e la montagna (4,3%).

La stragrande maggioranza degli intervistati (63,4%) ha scelto di andare in vacanza per il ponte di Ognissanti per rilassarsi, il 22,8% per divertirsi e il 21,4% per raggiungere la propria famiglia.

I viaggiatori alloggiano soprattutto in casa di parenti e amici, prima scelta per il 26,4% dei vacanzieri; a seguire c’è l’albergo (23,5%). La spesa media complessiva per le vacanze del 1° novembre sarà di 388 euro a persona, nel dettaglio 363 euro in Italia e 558 all’estero.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)