Adiconsum chiede che gli ecobonus diventino stabili. La misura approvata ieri dal Senato (estensione della detrazione fiscale del 50% anche ai “grandi elettrodomestici”, come frigo e lavatrice, con un consumo energetico di classe A+ e A per i forni, ed estensione dell’incentivo al 65% per caldaie e impianti a pompe di calore) trova l’apprezzamento dell’associazione dei consumatori. “Pieno appoggio al Governo per il varo degli ecobonus – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum –  È un’ulteriore misura che va nella direzione del rilancio delle aziende dell’edilizia e di quelle produttrici di elettrodomestici e quindi dell’occupazione che crea reddito e rialimenta così i consumi. Tramite queste misure si realizza risparmio energetico, emersione del lavoro nero, recupero di Iva evasa e salvaguardia dell’ambiente. Adiconsum – prosegue Giordano – è convinta che gli incentivi per le ristrutturazioni e per il risparmio devono diventare stabili e non possono subire continui rinnovi come è stato finora. Ciò permetterebbe una programmazione della produzione e anche degli investimenti dei consumatori su questi settori”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)