L’Italia è fra i paesi leader nella rivoluzione dell’energia intelligente, al primo posto in Europa con 34 milioni di contatori smart già installati nelle case degli italiani e al terzo posto per le smart grid, le reti intelligenti. Tutto questo fa parte della smart regulation avviata dall’Autorità per l’energia che oggi ha presentato alcune iniziative al Forum PA, che ha aperto i battenti oggi al Palazzo dei Congressi di Roma.
Un pacchetto di strumenti che favoriscono l’innovazione tecnologica, un sistema sostenibile e infrastrutture finalizzate all’uso efficiente delle risorse, “eliminando gli sprechi e aiutando l’ambiente”. In particolare, per smart grid si intende un’evoluzione della rete elettrica che consenta, attraverso una gestione attiva, di coordinare i comportamenti degli utenti connessi, così da garantire efficienza, sostenibilità e sicurezza.
Attualmente sono in corso 8 progetti pilota sostenuti dall’Autorità per modernizzare e rendere più flessibili le reti di distribuzione, per favorire l’integrazione nel sistema elettrico degli oltre 350 mila piccoli produttori da fonti rinnovabili. Rientra nella ‘smart regulation’ anche la ‘smart mobility’, con nuovi modelli gestionali per ricaricare l’auto elettrica, direttamente a casa o presso distributori in città, tra i quali anche un migliaio di colonnine di ricarica realizzate in nove regioni, dal Nord al Sud, sempre grazie ai progetti pilota incentivati dell’Autorità.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)