Ieri la Commissione Europea ha adottato una proposta di Direttiva in materia di trasparenza, comparabilità e portabilità dei conti correnti. I punti centrali della Direttiva sono: tariffe bancarie chiare scritte su opuscoli obbligatori, accesso ad un conto corrente garantito a tutti, cambio di banca in 15 giorni e senza costi. Le novità sono state accolte bene da più parti, soprattutto in Italia dove, come hanno ricordato le Associazioni dei consumatori, i costi sostenuti dai consumatori sono più elevati della media europea.
A commentare positivamente la decisione della Commissione Europea è stato anche il Direttore generale dell’Associazione bancaria italiana, Giovanni Sabatini, secondo cui la direttiva definirà, finalmente, un terreno di gioco livellato, armonizzando adempimenti cui, ad oggi, solo le banche italiane sono soggette. La direttiva permetterà anche una comparazione sulla base di criteri omogenei dei costi dei conti correnti, costi che in Italia sono in media 100 euro l’anno, allineati quindi a quelli europei e non superiori.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)