Un “bonus acqua” da 50 litri al giorno per abitante a chi versa in condizioni di documentato stato di disagio economico e sociale e la certezza che in nessun caso a questi utenti in difficoltà potrà essere disalimentato il servizio necessario a soddisfare i bisogni vitali fondamentali”, è quanto si legge su Ansa in merito a due diversi Decreti del Presidente del Consiglio, firmati su proposta del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, in materia di contenimento della morosità e di tariffa sociale del servizio idrico integrato, pubblicati in Gazzetta Ufficiale.

Il 18 novembre è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto sulla “tariffa sociale”, che definisce il quantitativo minimo vitale necessario a soddisfare i bisogni essenziali in 50 litri al giorno per abitante, un valore di 10 litri superiore a quello indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come ottimale per garantire una vita dignitosa. Le condizioni di disagio economico e sociale saranno disciplinate dall’Autorità per l’Energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI), che stabilirà gli indicatori per verificarle.

Il decreto sul contenimento della morosità è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 ottobre scorso e, come riporta Ansa, definisce le procedure che l’AEEGSI dovrà disciplinare per ridurre il fenomeno e far sì che gli utenti abbiano accesso a un quantitativo d’acqua minimo a tutela della dignità della persona.

Oltre agli strumenti di tutela per le categorie di utenti che accedono al bonus, l’AEGGSI introdurrà misure anche per altre utenze morose e specifiche modalità di riattivazione del servizio in caso di sospensione, che può essere disposta solo “dopo il mancato pagamento di fatture superiori al corrispettivo annuo dovuto relativo al volume della fascia agevolata”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)