Chi pensava che con l’acquisto di Tirrenia da parte della compagnia di navigazione Cin, la newco composta da Marinvest, Grimaldi Group e il gruppo Moby, si sarebbero risolti i problemi della continuità territoriale della Sardegna e i relativi problemi che ogni anno mettono a rischio il turismo dell’Isola, si sbagliava di grosso. Federconsumatori Sardegna denuncia, innanzitutto, quanto è proibitivo – in termini di costi – raggiungere l’isola tanto da vanificare gli effetti della campagna di promozione turistica.Inoltre, anche le promesse del nuovo ad sembrano non destare particolare plauso: “Il nuovo amministratore della Cin, Ettore Morace, promette nuove navi che sostituiscano le fatiscenti di attuale utilizzo. Questo, però, non rincuora nè tantomeno convince”.
Infine all’Associazione non è passato inosservato la circostanza che l’acquisto ha creato, di fato, un monopolio privato che, però, “riceverà ben 72 milioni di euro l’anno di sovvenzioni pubbliche”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)