Imprenditori in crisi, la storia di Maria: Equitalia violenta”. E’ questo il titolo dell’ultimo servizio realizzato da spazioconsumatori.tv nel quale racconta la storia di Maria, un’imprenditrice quarantenne che, dopo aver subito un fallimento personale – psicologico prima che aziendale – ha pensato addirittura al suicidio. Una storia simile a quella di tanti altri che stanno occupando pagine della cronaca nazionale. Anche nella vicenda di Maria, Equitalia ha avuto il suo ruolo e la notizia che da oggi l’ente di riscossione ‘toglie il disturbo’ non può non far piacere.
L’Agenzia nazionale della riscossione, con una lettera inviata nei giorni scorsi ai primi cittadini di 6 mila comuni, ha spiegato loro che da oggi, lunedi 20 maggio, non potranno più girare i ruoli alle società del sistema Equitalia (vale a dire, non potranno più chiedere alla riscossione di incassare per conto loro) e questo perchè, in vista del primo luglio, non ci sarebbe il tempo materiale per istruire pratiche e di incassare nulla.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)