Il Sinemet, farmaco utilizzato per il trattamento della sintomatologia connessa a Parkinson e l’antitumorale Capecitabina sono sempre più introvabili nelle farmacie. Lo denunciano le associazioni dei consumatori Codacons, Articolo32, Adusbef e Asso-consum – riunite in una nuova organizzazione denominata “Intesa 4.0” che hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, all’Aifa e al Ministero della Salute. Alla Procura le associazioni chiedono di accertate tutte le eventuali responsabilità di tale situazione e procedere nei confronti di tutti i soggetti ritenuti responsabili per i reati che saranno eventualmente riscontrati.Sinemet (contenente i principi attivi carbidopa e levodopa) , nel caso del Parkinson e sindrome parkinsoniana, permette di alleviare numerosi sintomi della malattia quali la rigidità muscolare, il tremore e la difficoltà nel mantenere l’equilibrio, ed in ragione del suo importante ruolo costituisce una fondamentale risorsa per coloro che soffrono di tali patologie. Il farmaco Capecitabina è invece un antitumorale impiegato per il trattamento di alcune neoplasie, in particolare per tumori quali il carcinoma del colon, il carcinoma del colon-retto metastatico, il carcinoma gastrico od il carcinoma della mammella.

Le associazioni ricordano come non a caso per la Capecitabina l’Aifa, con propria determinazione del 13/03/2019, ha autorizzato l’importazione del medicinale dall’estero al fine di garantirne l’utilizzo ai pazienti. Relativamente al farmaco Sinemet, invece, l’Aifa ha reso noto in questi giorni che potrebbero verificarsi “temporanee carenze”, anche a causa di una “corsa all’approvvigionamento del farmaco” che ha comunque seguito una prima fase di carenza dettata da ritardi del produttore.

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

1 thought on “Farmaci antitumorali e Parkinson introvabili, esposto dei Consumatori ad Aifa

  1. Medicinali non trovabili ma passati dall’Aifa. Al sottoscritto medicinali che si trovano ma non passati dall’Aifa. Parlo della Lenalidomide per il mantenimento dopo autotrapianto (da 10 mg.) Mieloma multiplo. (il sottoscritto si è sottoposto come soggetto per la sperimentazione della lenalidomide, oggi gli viene negato per legge. 2° trapianto. Ragioni opposte, stesso risultato.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: