Domani 25 ottobre si terrà l’audizione del Codacons in Commissione Finanze del Senato, per discutere la proposta di esonerare le Onlus dal pagamento del contributo unificato, tassa della discordia sulla quale anche la politica, al pari delle Commissione tributarie, si è divisa.

Rivolgiamo un appello al premier Giuseppe Conte e ai vicepremier Salvini e Di Maio affinché intervengano per salvare le associazioni come il Codacons dal contributo unificato  che impedisce alle onlus di ricorrere alla giustizia per avviare azioni di carattere sociale”, spiega il presidente di Codacons, Carlo Rienzi.

“In tal senso i partiti politici della maggioranza hanno già elaborato un emendamento alla legge di bilancio per esonerare le realtà onlus dal pagamento di tale contributo quando ricorrono alla giustizia per fini sociali e per difendere gli interessi collettivi. Emendamento che ha raccolto il sostegno dell’ufficio giuridico del Ministero dell’Economia e che potrebbe salvare realtà come il Codacons dal fallimento, dopo la vertenza con il Fisco per la rottamazione di cartelle per un valore di 300mila euro legate proprio al contributo unificato”.

“Chiediamo quindi di sostenere l’emendamento in questione e permettere alle Onlus che da decenni si battono per la tutela dei diritti dei più deboli di ricorrere alla giustizia senza costi ingiusti che impediscono di avviare azioni doverose e di interesse pubblico”, conclude il Codacons.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)