Si parla ancora del caso Fonsai e del suo patron Salvatore Ligresti. Questa volta però in mezzo c’è anche Giancarlo Giannini, l’ex presidente dell’Isvap, l’autorità di vigilanza sulle assicurazioni (sostituita dall’Ivass).
Nell’atto di chiusura dell’inchiesta condotta dal pm di Milano Luigi Orsi sulla galassia Ligresti si legge che Salvatore Ligresti avrebbe avuto ”contatti con l’allora presidente del Consiglio” Berlusconi per ”fare ottenere, una volta scaduto dall’incarico di Presidente dell’Isvap, l’incarico di presidente” dell’Antitrust a Giancarlo Giannini. E in cambio di questa promessa Giannini avrebbe “improntato la funzione di vigilanza nei confronti” di Fonsai ”in modo tardivo e inefficiente”.
Ad aprile 2012 Giannini ha presentato una denuncia in Procura a Milano incolpando del reato di ostacolo all’attività dell’organismo di vigilanza sulle assicurazioni gli allora amministratori di Fonsai, mentre fu lui stesso, tra il 2002 e l’agosto del 2010, a disporre ”che l’Isvap non effettuasse alcuna ispezione” sul gruppo se non ”tardivamente nell’ottobre 2010”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)