Federconsumatori ha appreso con disappunto la sua esclusione come parte civile nel processo contro le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch. Nell’udienza preliminare del procedimento in corso a Trani, il gup ha ammesso solo Adusbef nazionale e una decina di singoli risparmiatori come parti civili nei confronti delle due agenzie di rating.
“Vorremmo che il Giudice comprendesse che non si tratta solo di tutelare gli interessi specifici dei risparmiatori, che tra l’altro da sempre difendiamo. Il comportamento delle agenzie di rating ha danneggiato l’intero Pese. I danni ipotizzati dalla Corte dei Conti ammonterebbero a ben 230 miliardi di Euro” dichiara Rosario Trefiletti, Presidente della Federconsumatori.
Trefiletti ricorda che “sono migliaia le vicende che hanno visto protagonisti Federconsumatori insieme ad Adusbef per la tutela degli interessi di cittadini e risparmiatori, non ultima, appunto, la denuncia dei comportamenti scorretti e dei report a orologeria emessi dalle agenzie di rating”.
“Per questo continueremo a seguire attentamente la vicenda – conclude il Presidente di Federconsumatori – mettendo in campo ogni intervento possibile affinché i diritti dei cittadini e l’immagine del nostro Paese siano pienamente tutelati”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)