É stata depositata ieri la richiesta di rinvio a giudizio di Giuseppe Mussari e dei vertici della banca MPS per quanto riguarda fatti di manipolazione del mercato, di ostacolo alle attività di vigilanza, di false comunicazioni sociali, e per altri reati. Al centro dell’attenzione si collocano le modalità con le quali sono state reperite le risorse, da parte di MPS, per l’acquisizione di Antonveneta, e le comunicazioni agli organi di vigilanza e al mercato, che nascondevano le reali condizioni di valutazione degli strumenti utilizzati. Dalle indagini svolte è emerso che gli imputati avrebbero commesso i reati a proprio esclusivo vantaggio, e non nell’interesse della banca. Confconsumatori si sta mobilitando e annuncia che sarà in prima linea sia in sede civile che in sede penale.
“Stiamo lavorando a ritmo serrato – dichiara Mara Colla, presidente nazionale di Confconsumatori – oltre alla costituzione di parte civile nel processo penale come associazione, ruolo che ci è già stato riconosciuto in altre occasioni, metteremo a disposizione, tramite il nostro sito e le nostre sedi sul territorio nazionale, la documentazione necessaria per la costituzione di parte civile a beneficio dei risparmiatori coinvolti”.
Il nesso di causalità tra il crollo del titolo detenuto da migliaia di piccoli risparmiatori e le operazioni ardite compiute in questi anni dal precedente board, saranno il cuore delle vicende penali e civili che ci vedranno impegnati – aggiunge Luca Baj, legale di Confconsumatori – Come è già avvenuto in altri scandali analoghi, intendiamo ottenere per i risparmiatori e gli azionisti “traditi” la massima tutela possibile”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)