Risparmiare sui costi di gas e luce è un obiettivo per molte famiglie italiane. Le tariffe infatti sembrano crescere di anno in anno, andando a incidere sul bilancio familiare in maniera importante. Nel momento in cui ci accingiamo a scegliere la compagnia per la fornitura dell’energia elettrica o del gas dobbiamo considerare che, per evitare inutili e dannosi sprechi, è opportuno scegliere l’offerta in relazione ad una riflessione sulle nostre abitudini di consumo. In tal senso mettendo le tariffe per il Gas e il riscaldamento dei maggiori operatori a confronto sarà semplice capire quale sia la più vantaggiosa per le nostre esigenze.
Per quanto riguarda infatti, la fornitura di luce e gas, la maggior parte delle volte, una scelta consapevole è la chiave del risparmio. Confrontando su internet le varie le offerte più convenienti per gas e luce proposte dalle aziende possiamo avere un contratto che soddisfi le nostre esigenze e nello stesso tempo non sia troppo caro. Ci siamo fatti aiutare dal portale SuperMoney, comparatore online gratuito, per sapere quanto potrebbe spendere una famiglia tipo italiana vivendo a Roma.
Abbiamo richiesto un tetto massimo di spesa mensile di 200 euro, e il consumo energetico previsto è soprattutto la sera e nei fine settimana. Vediamo allora quali sono state le proposte più convenienti rilevate per questo mese.
Al primo posto abbiamo la tariffa bioraria E-light di Enel Energia: la tariffa bioraria, ricordiamo, è quella che applica costi diversi in base a due fasce orarie della giornata (8/19 e 19/8) e alla concentrazione dei consumi nei giorni feriali o festivi. La tariffa monoraria, invece, prevede un costo unificato per tutte le fasce orarie e per i diversi giorni della settimana.
Tornando all’offerta E-light di Enel Energia: il costo annuo si attesta sui 1.164,6 euro ed è un prezzo bloccato. L’energia che riceveremo è prodotta con fonti tradizionali, quindi non rinnovabili. Il servizio di enegia ha un costo di 208,6 euro mentre quello del gas è di 275,6, a cui dobbiamo poi aggiungere l’Iva e altre imposte obbligatorie.
Al secondo posto tra le offerte migliori c’è Acea Energia con due offerte, una monoraria e una bioraria: la prima, Acea Rapida, ha una tariffa annuale di 1.226,1 euro. Offerta Unica Bioraria invece ha una tariffa di 1.277,7 euro. Entrambe le proposte hanno un prezzo bloccato e derivano da fonti di produzione tradizionale.
Infine, al terzo posto tra le tre offerte più convenienti del momento c’è Gas e Luce Fisso di Vivi Gas: il prezzo annuale è di 1.296,9 euro e la tariffa è bioraria con un prezzo indicizzato non seguendo i parametri dell’AEEG ma seguendo quelli utilizzati dalla compagnia stessa.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)