Luce e gas sono una spesa abbastanza gravosa per i redditi medi delle famiglie italiane. Trovare la giusta tariffa per l’energia è essenziale al fine di individuare una concreta soluzione per risparmiare e per adottare un consumo ecosostenibile. In queste circostanze è consigliabile mettere le tariffe per l’energia a confronto scegliendo quella più adeguata per le nostre abitudini e stili di vita.
Quando scegliamo a quale compagnia affidarci per la fornitura elettrica dobbiamo ricordarci che molti operatori hanno predisposto offerte mirate per soddisfare le esigenze di specifiche categorie di consumatori. In tal senso possiamo informarci sulla migliori tariffe per l’energia elettrica per i pensionati o per le giovani coppie che, con fatica, sono riuscite a esaudire il loro desiderio di avere una casa in cui metter su famiglia.
In tutti questi casi è importante risparmiare sulle principali voci di spesa gravanti sul bilancio familiare, a cominciare proprio dalla bolletta di energia domestica. Con l’aiuto del portale di confronto SuperMoney, scopriamo quali sono le tre migliori tariffe per le utenze domestiche residenti al Nord, Centro e Sud Italia, che desiderino contenere i costi e avere una bolletta più leggera.
Immaginiamo il profilo di una famiglia, che per l’elettricità spenda in media fino a 90 euro al mese, concentrando i consumi prevalentemente di sera e weekend (fascia dove, com’è noto, i costi sono inferiori). Queste caratteristiche sono mantenute invariate per le tre città d’Italia campione: Biella per il Nord, Pisa per il Centro e, infine, Messina per il Sud. Gli operatori più convenienti sono Enel Energia, Agsm e Acea Energia.
Cominciamo con Biella, dove a vincere la prova del confronto è “e-light” di Enel Energia, una bioraria con costo annuo di 439,6 euro. A seguire troviamo la bioraria di Agsm, “Chiara” (493,5 euro), e “Acea Rapida” di Acea Energia (494,6 euro), che, invece, è monoraria (il prezzo dell’energia elettricità è indipendente dalla fascia di consumo).
A Pisa il podio della convenienza non subisce ribaltamenti. Nell’ordine ritroviamo “e-light” di Enel, “Chiara” di agsm, e “Acea Rapida” di Acea Energia con i medesimi prezzi individuati per la città piemontese.
Anche nella città di Messina le tre migliori tariffe rimangono quelle segnalate appena sopra. Nessuna variazione neanche per i prezzi, che, pur spostandosi al Sud, si mantengono stabili.
La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito SuperMoney.eu

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)