PeopleFly risponde all’Antitrust e ritiene che non vi siano i presupposti di una sanzione. Questa la posizione espressa dal CEO Andrea Caldart nei confronti di quanto deciso dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, che ha avviato un procedimento all’inizio di luglio sul caso noto come quello dei “voli fantasma” e ha poi disposto un provvedimento cautelare con lo stop alla pubblicizzazione e vendita di ticket per voli charter sul sito internet.

In relazione alle recenti contestazioni da parte dell’Authority, Andrea Caldart, CEO & Founder di PeopleFly ha oggi dichiarato: “Peoplefly ha risposto all’Authority con una memoria e relativa documentazione, dimostrando la correttezza del suo operato sulla base della normativa in vigore. Peoplefly resta in attesa dell’esame della risposta all’Authority convinta che questa non sanzionerà in nessun modo Peoplefly perché non ve ne sono i presupposti.”

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)