“Basta con gli inciuci tra ANIA e la triplice artigiana (CNA, Confartigianato, CASA)”. È quanto chiede Assoutenti, che sollecita a elaborare le linee guida per le riparazioni a regola d’arte dei veicoli nell’effettivo interesse della sicurezza stradale e degli automobilisti.

Secondo l’associazione, nei tavoli di lavoro che sono stati attivati si parte dall’intenzione di tutelare la sicurezza degli automobilisti ma si finisce per voler “imporre accordi di “cartello” sulla riparazione dei veicoli incidentati, dirottando le riparazioni in mano alle compagnie, con una trasparenza a parole cui non segue alcun fatto, senza alcuna riduzione delle polizze e trasformando il settore delle autoriparazioni in imprese terziste al servizio delle multinazionali”.

“È ormai chiaro – dice Assoutenti – che l’iniziativa di un tavolo parallelo a quello insediatosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, promossa in primo luogo da Confartigianato e che si sta trascinando dal settembre dello scorso anno, tutto vuole fare meno che elaborare linee guida per le riparazioni a regola d’arte realmente condivise con tutte le associazioni dei consumatori del CNCU”.

Il tema centrale del tavolo voluto dalla legge è quello di come le automobili devono essere riparate, ma “viene continuamente rinviato a fumosi ed ulteriori osservatori e commissioni senza nulla dire su perché e come sostituire le parti danneggiate di un veicolo, come ripristinarle e infine come assicurare che il tutto sia stato eseguito con il massimo della professionalità e cioè a regola d’arte – denuncia l’associazione – Si prendono in giro i danneggiati che non potranno in realtà mai conoscere quali sono gli indicatori “oggettivi e riscontrabili”, come la legge richiede ed impone, utili a comprendere con quali standard è riparata la loro auto”. La richiesta portata avanti da Assoutenti è quella di condividere con i Consumatori linee guida trasparenti sulla riparazione dei veicoli.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)