Risparmio tradito: dopo i recenti successi di Confconsumatori per acquirenti di piani finanziari “4 You” e “My Way”si aggiungono due pronunce favorevoli in materia di bond argentini e Parmalat: restituiti in tutto oltre 75 mila euro in favore dei risparmiatori. Nelle due vittorie, a Milano, è stato riconosciuto rispettivamente il profilo di investimento inadeguato e la violazione dei doveri informativi.

Nel dettaglio, nella prima delle due vittorie ottenute da Confconsumatori, il tribunale di Milano ha dichiarato la risoluzione di una serie di negoziazioni di obbligazioni Argentina disposte da due investitrici nel periodo luglio/settembre 2001 poiché l’intermediario non ha fornito a queste ultime né l’informazione adeguata sulle obbligazioni, ossia la comunicazione concernente la classe di rischio “elevata” all’epoca delle negoziazioni, né l’informazione sulla inadeguatezza delle obbligazioni rispetto al profilo di rischio “basso” che emergeva dal dossier titoli delle investitrici.

Nel secondo caso la risparmiatrice era in possesso di una somma di denaro ottenuta dalla vendita di un immobile e, su consiglio della banca, ne aveva investito una parte in obbligazioni Parmalat ed una parte in bond Argentina. “Le obbligazioni argentine – spiega l’avvocato Sabrina Contino, di Confconsumatori Milano – sono state vendute 8 mesi prima del default e la Banca ha omesso ogni informazione in ordine al declassamento del rating e ai rischi garantendolo come un investimento sicuro nonostante sapesse o comunque dovesse conoscere i rischi. Allo stesso modo garantiva sicuro l’investimento in Parmalat”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

1 thought on “Risparmio tradito, Confconsumatori: vittorie a Milano su bond argentini e Parmalat

  1. a mia moglie, invalida ipovedente, sono stati venduti bond argentini da una filiale Unicredit di Bologna facendole firmare l’ordine con la sua sigla senza informarla della rischiosità dell’investimento.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: