Ancora una volta è il trasporto pendolare a finire nel mirino della Federconsumatori. L’Associazione denuncia oggi l’ennesimo disservizio patito dai viaggiatori della tratta Roma-Lido che questa mattina sono stati costretti a scendere da un treno guasto, dovendo poi attendere i convogli successivi e affrontando un viaggio in condizioni disumane: i vagoni erano stipati di gente e, in molti casi, privi del sistema di ventilazione.  Negli aeroporti romani la situazione non è certo migliore:  con la chiusura di Ciampino, scalo di riferimento delle compagnie aeree low cost, molti voli sono partiti da Fiumicino, subendo però gravissimi ritardi. “Inoltre molti viaggiatori hanno denunciato un’inaccettabile assenza di informazioni e una totale disorganizzazione nella gestione della situazione” denuncia Federconsumatori secondo cui è necessario “attuare immediatamente azioni di modernizzazione e innovazione, soprattutto per le tratte ferroviarie da e per le regioni meridionali: non dimentichiamo che questi collegamenti sono già stati fortemente penalizzati dalla soppressione di numerose tratte. E’ dunque urgente investire in questo settore che, se adeguatamente sfruttato, può aiutare in misura decisiva il rilancio della nostra economia”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)