L’Assemblea nazionale francese ha respinto il tentativo di aumentare l’importo della tassa di soggiorno fino a un massimo di 8 euro. Ci auguriamo che la scelta francese -afferma il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca– costituisca un esempio per l’Italia, rammentando al Paese l’importanza economica del settore e, nel contempo, un monito per il Comune di Roma, inducendolo a recedere dalla assurda proposta di portare la tassa fino ad un massimo di 7 Euro a notte a persona”. In Francia, l’attuale tassa va da 0,20 ad 1,5 Euro, sulla base di quanto deciso dai singoli comuni mentre nel nostro Paese è ben più cara. Oscilla da un minimo di 0,20 Euro ad un massimo di 5 Euro e, secondo l’ultimo Rapporto sull’Imposta di Soggiorno di Federalberghi, a fine giugno i Comuni che hanno applicato l’imposta di soggiorno sono 651 (rispetto ai 510 del 2014), gli introiti previsti dall’imposta per il 2014 ammonteranno a 354 milioni di Euro (rispetto ai 268 milioni di Euro del 2013).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)