Questa mattina il Tribunale di Catania, prima sezione penale, in composizione collegiale, con ordinanza letta in udienza ha ammesso Confconsumatori e i passeggeri assistiti dall’associazione come parte civile nel processo contro gli amministratori della Compagnia aerea catanese Windjet, che nell’estate del 2012 ha cessato la propria operatività causando danni e disservizi a migliaia di passeggeri. Non sarà più possibile costituire ulteriori passeggeri. A darne notizia è la stessa Confconsumatori, che commenta: “Si apre una nuova fase risarcitoria, dopo tante battaglie avviate dal 2012”.

Il tribunale ha riconosciuto tra le finalità statutarie dell’associazione quelle della tutela dei diritti dei passeggeri e ha riconosciuto l’impegno di Confconsumatori nel settore del trasporto aereo. Importante anche l’ammissione come parte civile dei passeggeri che consentirà loro di avere riconosciuto, come richiesto, il danno non patrimoniale. Spiega l’associazione: “Nei prossimi giorni appena sarà disponibile il testo dell’ordinanza sarà possibile un ulteriore approfondimento dei contenuti della stessa, ma, fin da ora, si può ritenere un importante provvedimento. Confconsumatori fin dai primi momenti in cui è esploso il caso Windjet nell’estate del 2012 è stata a fianco dei passeggeri assistendoli in tutte le battaglie, non solo in quella penale, tra cui la più importante l’invito a votare no alla proposta di concordato della Società”.

Adesso si apre una nuova fase risarcitoria – dice Carmelo Calì responsabile Turismo e Trasporti per Confconsumatori – e nel corso del processo continueremo a far valere le ragioni dei passeggeri e quelle della stessa Confconsumatori quale rappresentante degli interessi diffusi dei consumatori”.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)