Al tempo delle truffe online, un modo diretto per adescare la “vittima” è quello del contatto sui siti di incontri. Capita, infatti, di essere contattati da ragazze o ragazzi che, con la scusa di iniziare una conoscenza (gratuita) ti spingono a sottoscrivere magari un abbonamento. Ma non è tutto, perché può succedere addirittura di ritrovarsi con la carta di credito clonata.
E’ successo ad alcuni utenti ci hanno segnalato la truffa. Il sito in questione è “LikeYou” con sede in Lussemburgo. Ecco come funziona: l’utente viene dirottato su questo sito accedendo la prima volta a  Meetic (è una delle loro pubblicità). Si entra gratis e si viene subito adescati da ragazze che si interessano all’utente e fanno in modo che egli sottoscriva l’abbonamento (di 39 euro al mese). Sì perché per continuare a chattare bisogna pagare subito. Ma una volta messo mano al portafoglio (virtuale) la ragazza scompare e dopo qualche giorno arriva un’altra sorpresa: in Lussemburgo, dove ha sede legale il sito, dopo pochi minuti dal pagamento hanno clonato la carta.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)