Rifiuti e inquinamento, Mari e Oceani invasi dalla plastica

Rifiuti e inquinamento, Mari e Oceani invasi dalla plastica (Fonte immagine: Pixabay)

Rivitalizzazione: Azione collettiva per l’Oceano”, questo il tema scelto quest’anno per la Giornata Mondiale degli Oceani. Un’occasione di confronto e scambio di idee e soluzioni per proteggere e rivitalizzare questa importante fonte di risorse per il Pianeta. L’obiettivo della Giornata, dunque, non è solo quello di celebrare la ricchezza delle nostre acque, ma anche di sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni sull’importanza della loro tutela.

Uno dei principali problemi degli Oceani è quello dell’inquinamento causato dalla plastica, al primo posto nella classifica dei materiali più presenti (circa l’80% del totale), secondo un recente Dossier pubblicato da Greenpeace. Tra questi rileva la presenza di bottiglie, imballaggi, sacchetti, contenitori per alimenti, reti e attrezzi da pesca. Devastante l’impatto sulla biodiversità: alcune specie animali rimangono incastrate tra i rifiuti, altre rischiano gravi danni alla salute a causa dell’ingestione di minuscole particelle di plastica.

Giornata degli Oceani, i dati Legambiente su “Clean Up The Med”

L’inquinamento delle acque è anche il focus della campagna “Clean Up The Med” di Legambiente, che – in occasione della Giornata di oggi – presenta gli ultimi dati sui rifiuti raccolti nelle spiagge del Mediterraneo. Bottiglie alla deriva, sacchetti di plastica, mascherine chirurgiche abbandonate sulle spiagge o tra le onde: sono solo alcune delle immagini che mostrano l’attuale contaminazione dei nostri mari e degli oceani.

Un’emergenza rifiuti che coinvolge anche il Mediterraneo, che raccoglie grandi quantitativi di plastica e li restituisce in parte su coste e spiagge.

I chilometri di spiaggia ripuliti (23.750 km) mostrano come il problema dell’incuria e del cattivo smaltimento accomuni tutta l’area mediterranea: alle plastiche monouso, ritrovate in grandi quantitativi sulle coste battute, sebbene messe al bando dalla direttiva europea SUP (Single Use Plastics), si aggiungono reti da pesca, cicche di sigaretta, legno e vetro. Non mancano guanti, mascherine e dispositivi sanitari legati all’emergenza Covid-19.

 

Rifiuti e inquinamento, Mari e Oceani invasi dalla plastica

 

Oltre 600 volontari, dagli 8 ai 70 anni, hanno partecipato, quindi, alle attività di pulizia svolte in 20 spiagge situate in prossimità dei centri urbani e hanno portato alla raccolta di 200 sacchi di rifiuti, più di 1 quintale in totale.

Il 65% dei rifiuti rinvenuti è costituito da plastica: cicche di sigaretta, bottiglie e bottigliette, seguite da tappi, bicchieri e frammenti eterogenei. E su oltre il 45% delle spiagge ripulite sono stati ritrovati guanti, mascherine o rifiuti legati alla cattiva gestione dei DPI (in Grecia in quantitativo maggiore, ma presenti anche in Algeria, Croazia, Libano, Italia e Spagna).

“Anche quest’anno l’iniziativa Clean Up The Med ha messo in campo uno straordinario lavoro di citizen science – ha commentato Giorgio Zampetti, Direttore Generale Legambiente -. Un’edizione importante, visto che il 2022 si è aperto con il recepimento in Italia della direttiva europea SUP e nella stessa settimana è stata approvata finalmente la Legge “Salvamare”, che permette ai pescatori di liberare il mare dai rifiuti. Occorrerà quindi estendere il bando dell’usa e getta a tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, unito a norme più stringenti anche sugli altri rifiuti più comuni che si trovano sulle spiagge, insieme a buone pratiche di gestione e prevenzione dei rifiuti ”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)