Rai, Abi e Consumatori chiedono programmi di educazione finanziaria

La Rai dovrebbe trasmettere programmi che aiutano gli italiani a districarsi con i mutui e con i diversi (e complicati) strumenti di risparmio. La TV di Stato aumenterebbe così la consapevolezza dei cittadini. La richiesta, inviata a Presidente e Direttore Generale della Rai, Anna Maria Tarantola e Luigi Gubitosi, parte dal Presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, e dalle Associazioni dei Consumatori.

A firmare la lettera sono Acu, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Asso-Consum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

Le Associazioni dei consumatori sono da tempo impegnate, a stretto contatto con il mondo bancario, in iniziative d’informazione e formazione in materia finanziaria e in programmi destinati alle diverse fasce di popolazione come i bambini, i ragazzi, gli adulti e gli anziani. Nonostante ciò, temi decisivi per il presente e il futuro delle persone, come l’accesso al credito, il risparmio, il rapporto tra rischi e investimenti e la previdenza complementare, rischiano ancora di essere scarsamente conosciuti da una fascia di popolazione molto significativa.

“È inoltre evidente come, in questi ultimi anni, sia aumentata la necessità di un’adeguata preparazione finanziaria, determinante per favorire il benessere delle famiglie e dei consumatori e per promuovere la crescita economica e sociale del nostro Paese – si legge nella lettera – Proprio per ottimizzare gli sforzi e raggiungere una più ampia platea di persone, l’Abi e le Associazioni dei consumatori ritengono che il ruolo svolto dal mondo dell’informazione sia particolarmente prezioso e chiedono il coinvolgimento attivo della  Rai nel predisporre spazi dedicati ai temi dell’educazione finanziaria e, più in generale, alla cittadinanza economica. L’impegno comune, alla luce della rilevanza strategica del tema dell’educazione finanziaria, ormai fortemente riconosciuta, porterebbe a definire più idonei standard di conoscenza finanziaria che potrebbero contribuire a migliorare il clima di fiducia necessario soprattutto nei momenti di particolare difficoltà economica e sociale come quello l’attuale”.

Comments are closed.