Giustizia alternativa, parte la rivoluzione degli sportelli di Rete Consumatori Italia

Parte la rivoluzione della qualità negli sportelli della Rete Consumatori Italia che ieri ha reso operativo il suo ambizioso disegno “RCI: scopri la giustizia rapida ed economica”. Il Progetto, realizzato con il contributo del Ministero dello Sviluppo economico, concretizza una vera rivoluzione nel mondo del consumerismo, con l’obiettivo di promuovere tutte le forme di giustizia alternativa alle aule dei tribunali.

A partire dal Dlgs 130/2015 che ha recepito nel nostro ordinamento la direttiva europea 103/2014 sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori.
La Rete, nata a maggio del 2015 dalla collaborazione tra Assoutenti, Casa del Consumatore e Codici, svilupperà attività e iniziative per migliorare la conoscenza e l’accesso all’ADR e sperimentare un modello, unico in Italia, di qualità dei servizi erogati dalle associazioni. E’ stata creata una rete di 21 sportelli qualità, uno per le 19 regioni e per le due province autonome (di cui 19 già operativi, 2 in fase di attivazione, ovvero Bolzano e Marche), collegati a loro volta ad altri 132 punti sul territorio, che insieme garantiranno informazioni, consulenza e assistenza per ottenere una giustizia rapida, sicura ed economica, fuori dalle aule dei tribunali. Rete Consumatori Italia ha scelto di mettere al primo posto l’efficace strumento della conciliazione, possibile grazie ai numerosi protocolli siglati a livello nazionale con le principali aziende che operano nei settori delle telecomunicazioni, trasporti, energia e gas, servizi bancari, assicurazioni, e-commerce e molto altro ancora. Rete fornirà un servizio di qualità, puntuale ed accessibile a tutti, grazie all’attenta e costante formazione di volontari e esperti, con una copertura capillare sul territorio e con un programma di controllo esterno (tecnica del cliente misterioso) sul rispetto di una specifica Carta dei servizi degli sportelli di qualità. 
La carta di qualità sarà una garanzia in più per i cittadini. La rivoluzione copernicana risiede proprio nel fatto che per la prima volta le nostre associazioni applichino a loro stesse quei principi di qualità ed efficienza che richiedono alle imprese e in generale alle loro controparti” ha dichiarato Furio Truzzi, presidente di Assoutenti.
Del resto la rivoluzione è partita proprio dall’interno delle 3 associazioni, “C’è stato un ingresso di idee nuove: prima tutte le associazioni erano per lo più generaliste, mentre adesso ci stiamo occupando di sviluppare al nostro interno quelle specialità che fanno di ciascuna associazione un’eccellenza, aumentando così la qualità generale dei servizi offerti dalla Rete“, ha sottolineato Ivano Giacomelli, segretario nazionale di Codici. Un’unione di idee, qualità ma anche di intenti tra le associazioni, che fanno della coesione la loro garanzia di forza.
Dovendoci rapportare con problematiche sempre più complesse, unirsi ci aiuta a far emergere le nostre professionalità e ad essere all’altezza dei vari interlocutori“, ha concluso Giovanni Ferrari, presidente di Casa del Consumatore. 
L’altro elemento chiave della Rete per la tutela del consumatore più grande e “rivoluzionaria” in Italia è la messa a punto di un sistema online già funzionante ed accessibile dal sito www.reteconsumatori.com (definitivamente operativo a settembre) che renderà la giustizia non solo rapida e sicura, ma anche a portata di un click h24, 7 giorni su 7. Infine, proprio con l’obiettivo di venire incontro alle esigenze dei cittadini, il numero verde 800.168.566 sarà operativo anche nel periodo di Ferragosto, compreso lunedì 15, con l’operazione “Consumare in sicurezza – Rete Consumatori c’è” per 9 ore al giorno, dalle 9 alle 18.

Comments are closed.