Condivisione dei dati intra-UE, il Parlamento UE approva nuove misure

Condivisione dei dati intra-UE, il Parlamento UE approva nuove misure

Secondo le stime della Commissione europea, la quantità di dati generati dagli enti pubblici, dalle imprese e dai cittadini dovrebbe quintuplicarsi nel periodo 2018-2025. Il Parlamento UE ha deciso, quindi, di approvare nuove misure che permetteranno di aumentare la condivisione dati intra-UE, di utilizzarli e di gettare le basi per la creazione di spazi europei per i dati settoriali.

Condivisione dei dati intra-UE, gli obiettivi

L’Atto sulla governance dei dati (Data Governance Act – DGA) – si legge nella nota del Parlamento – contiene, dunque, misure volte ad accrescere la fiducia dei cittadini nell’intensificazione della condivisione dei dati, a creare nuove norme UE sulla neutralità dei mercati dei dati, a favorire il riutilizzo di alcuni dati detenuti dal settore pubblico (ad esempio il riutilizzo dei dati sanitari potrebbe far progredire la ricerca di cure per le malattie rare o croniche) e a creare spazi europei dei dati in settori strategici.

Durante i negoziati con i ministri UE, inoltre, il Parlamento ha ottenuto che non ci fossero scappatoie per permettere agli operatori dei Paesi non-UE di abusare del sistema, rafforzando le disposizioni sulla fiducia e sull’accesso equo, oltre a requisiti precisi per stabilire quali servizi rientreranno nel campo di applicazione delle nuove regole.

“Il nostro obiettivo con il DGA è quello di porre le basi per un’economia dei dati di cui le persone e le imprese possano avere fiducia – ha dichiarato la relatrice Angelika Niebler (PPE, DE). – La condivisione dei dati può svilupparsi solo se fiducia ed equità sono garantite, stimolando nuovi modelli di business e l’innovazione sociale. […]  Siamo all’inizio dell’era dell’IA e l’Europa avrà bisogno di sempre più dati. Questa legislazione dovrebbe rendere facile e sicuro attingere ai numerosi bacini di dati sparsi in tutta l’UE”.

 

condivisione dei dati

 

Assistenza sanitaria e la lotta al cambiamento climatico

Tra gli obiettivi dichiarati dal Parlamento UE, vi è anche quello di poter utilizzare i dati per sostenere la ricerca, l’assistenza sanitaria, la lotta al cambiamento climatico. I deputati, infatti, hanno sostenuto l’idea di sfruttare il potenziale dei dati messi a disposizione su base volontaria dagli interessati per finalità di interesse generale, come la ricerca scientifica, l’assistenza sanitaria, la lotta ai cambiamenti climatici o il miglioramento della mobilità.

In aggiunta, le organizzazioni di intermediazione e quelle per il cosiddetto “altruismo dei dati” riconosciute nell’UE avranno una maggiore visibilità e useranno un logo comune riconoscibile in tutta l’Unione che certifichi la loro conformità al DGA.

Gli enti pubblici non potranno, inoltre, creare diritti esclusivi di riutilizzo di alcuni dati. Il periodo di esclusiva, infatti, sarà limitato a 12 mesi per i nuovi contratti, e a due anni e mezzo per quelli esistenti, così da rendere un maggior numero di dati accessibili a start-up e piccole e medie imprese.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)