Ponte Immacolata, Federalberghi: partono oltre 7 milioni, giro d’affari di 2,5 miliardi

Il Ponte dell’Immacolata si fa in Italia, nelle città d’arte, per l’intero fine settimana – quest’anno infatti cade bene, nella giornata di venerdì. In quanti partiranno? La stima di Federalberghi parla di 7,3 milioni di italiani in viaggio, con un aumento del 6,1% rispetto allo scorso anno. I vacanzieri trascorreranno più di tre notti fuori casa per una spesa media procapite di 340 euro – anche questa in aumento rispetto ai 294 euro del 2016. Il giro d’affari previsto è di circa 2,5 miliardi di euro.

“Il fatto che la festività dell’8 dicembre cada nella giornata di venerdì – commenta il presidente Federalberghi Bernabò Bocca –costituisce un incentivo alla vacanza. Va inoltre detto che il movimento che ruota attorno alla festività dell’Immacolata è un elemento di valutazione importante per immaginare l’andamento del prossimo Natale: ad oggi tutto fa pensare che la buona performance si manterrà anche per la fine dell’anno. Il trend di crescita – sottolinea Bocca – racconta un Paese che non si ferma, che torna a credere nella ripresa, che considera il viaggio come un bene primario e investe su di esso”.

Ma quali sono i risultati dell’indagine? Il sondaggio, fatto dall’Istituto ACS Marketing Solutions nel periodo compreso tra il 27 e il 30 novembre intervistando con il sistema C.A.T.I. (interviste telefoniche) un campione di 3000 italiani maggiorenni, dice che saranno circa 7 milioni e 329 mila gli italiani (tra maggiorenni e minorenni) in viaggio per il ponte dell’Immacolata. L’87,9% resterà in Italia mentre l’11,2% andrà all’estero.

Il Ponte dell’Immacolata in Italia vedrà le città d’arte come meta preferita: il 37,7% di chi viaggia in Italia sceglierà le località d’arte, il 29,6% la montagna, l’8,8% andrà al mare, un 4,5% preferirà i laghi, il 2,9% le località termali. Chi andrà all’estero sceglierà di preferenza le grandi capitali europee, che raccoglieranno oltre il 66% della domanda complessiva. Dove si alloggia? La casa di parenti/amici sarà la struttura prescelta dal 31,7% dei viaggiatori, seguita a stretto giro dal 25,2% che sceglierà l’albergo, in crescita rispetto al 2016 (+8,2%).

Il viaggio viene sempre più spesso scelto e organizzato online. Il 58,9% degli intervistati utilizza i social media e la rete per decidere o quantomeno informarsi sull’offerta nelle diverse località, sui prezzi e sulle strutture di interesse. Il 29,2% ha prenotato la propria vacanza rivolgendosi direttamente alla struttura ricettiva, con un aumento rispetto al 28,2% registrato in occasione del ponte dell’Immacolata del 2016.

 

 

Notizia pubblicata il 06/12/2017 ore 11.12

lascia un commento