Scegliere negozi molto affidabili, possibilmente con una lunga serie di recensioni, e diffidare dagli eShop con pochi feedback. Utilizzare pagamenti in grado di garantire il rimborso. Scaricare un buon antivirus aggiornato, possibilmente con supporto anti-phishing, in grado di riconoscere preventivamente i siti di natura dubbia ed evitare di finire all’interno di eShop civetta. Verificare le condizioni di vendita e di recesso, che siano in linea con la normativa nazionale. Questi i consigli di Codici alla vigilia del Black Friday, la giornata più attesa da tutti gli appassionati di shopping, online o in store, che possono dare sfogo all’acquisto di ogni tipo di merce a prezzi molto scontati.

Dalla mattina del 23 i principali siti di e-commerce, i grandi magazzini, i centri commerciali, le compagnie aeree e molto altro organizzeranno un’apertura, e vendita online, speciale, all’insegna di sconti ed eccezionali promozioni, spesso anche molto consistenti. Ma nell’arco di questa intensa giornata, oltre ad acquirenti e venditori c’è una terza categoria che attende impaziente le offerte del Black Friday: gli hacker ed i truffatori online, avverte l’associazione.

Fare acquisti online offre senza dubbio grandi vantaggi: niente fila, ampia gamma di prodotti, una disponibilità h24, nessuna ressa in negozio. Tuttavia beneficio non è sinonimo di assenza di rischio. Durante la giornata del Black Friday, sarebbe opportuno seguire alcune precauzioni, utili a evitare attacchi informatici come il phishing e lo spoofing.

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello che scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)