Prodotti di erboristeria e cosmetica naturale, le nuove tendenze a SANA 2022

Prodotti di erboristeria e cosmetica naturale, le nuove tendenze a SANA 2022 (Fonte immagine: Pixabay)

Prodotti di erboristeria e cosmetica naturale, le nuove tendenze a SANA 2022

Secondo un’indagine presentata a SANA 2022, nell’ultimo anno il 66% dei consumatori tra i 18 e i 65 anni ha acquistato almeno un prodotto in erboristeria. Fiducia nell’erborista e garanzia di qualità del prodotto i fattori vincenti, ma il prezzo è considerato un po’ elevato

Il settore del biologico e del naturale è in continua espansione, dai prodotti alimentari, alla cosmetica, ai prodotti acquistabili in erboristeria: tutto questo è stato oggetto di approfondimento a SANA 2022, che ha dedicato uno spazio anche alle nuove tendenze nelle abitudini di acquisto dei consumatori.

SANA 2022, i consumatori si fidano dell’erboristeria

In Italia i consumatori considerano l’erborista un professionista esperto e di fiducia, premiano le consulenze specialistiche e apprezzano l’assortimento dei prodotti: è quanto emerge della prima ricerca sulle abitudini di consumo degli italiani in questo campo, realizzata da Nomisma per SANA-La Via delle Erbe, rassegna sulla fitoterapia organizzata dalla rivista l’Erborista (Gruppo Tecniche Nuove) al Salone internazionale del biologico e del naturale.

Secondo la ricerca, nell’ultimo anno il 66% dei consumatori tra i 18 e i 65 anni ha acquistato almeno un prodotto in erboristeria. Di questi, più di uno su tre acquista abitualmente almeno 2/3 volte al mese. E la maggior parte dei clienti entra per comprare tè e tisane, integratori alimentari e prodotti cosmetici per la cura della pelle e dei capelli.

I consumatori ritengono, infatti, che l’erboristeria è garanzia di qualità (36%), consente di trovare prodotti naturali per la cura della persona e della casa (42%) e ha un ottimo rapporto qualità/prezzo (24%). In particolare, la metà degli intervistati ha fiducia nell’erborista, il 38% lo considera un professionista esperto.

Non solo, i consumatori apprezzano in particolar modo alcuni aspetti della relazione che si crea con il proprio negozio di fiducia: la cortesia del personale (87%), la qualità dei prodotti (85%) e l’assortimento di cosmetici naturali (69%); seguono l’assortimento di integratori (65%) e la consulenza specialistica (63%). Infine, l’assortimento di tutti gli altri prodotti, dagli alimenti naturali ai fitoterapici (61%).

Punto a sfavore per via del prezzo, giudicato dalla maggioranza degli intervistati un po’ elevato. I consumatori chiedono, inoltre, di poter acquistare online dal sito dell’erboristeria stessa. “Un dato molto interessante – si legge nell’indagine – che dimostra che il rapporto fiduciario con il proprio negozio vale anche nell’ambiente digitale”.

 

cosmetica naturale

 

I desideri dei consumatori

I consumatori intervistati rivelano anche cosa cercano nell’erboristeria del futuro: al primo posto la consulenza di un naturopata (38%), seguono la collaborazione con agricoltori/produttori della zona (37%) e la creazione personalizzata di cosmetici e profumi (35%).

Inoltre più di 9 su 10 sentono il bisogno di avere una conoscenza più robusta e consapevole della materia su tutti gli ambiti sondati: fitoterapia, cosmesi naturale, aromaterapia e interazione tra farmaci e piante officinali.

SANA 2022, cresce la cosmetica naturale e sostenibile

Al Salone Internazionale del biologico e del naturale si è parlato anche di nuove tendenze nel settore della cosmetica. Secondo i dati presentati dal Centro Studi Cosmetica Italia, la domanda di prodotti a connotazione naturale e sostenibile è un trend in costante crescita in questo settore.

In particolare, sono state individuate due aree: da un lato i cosmetici a connotazione naturale/biologica (caratterizzati da elementi grafici o testuali che ne comunicano la connotazione naturale/biologica, in linea con la composizione formulativa, ossia con la presenza di un alto numero di ingredienti biologici o di origine naturale); dall’altro i cosmetici con connotazione di sostenibilità ambientale/green (caratterizzati da elementi grafici o testuali che ne comunicano la connotazione di sostenibilità ambientale/green in ambiti che possono riguardare tutto il suo ciclo di vita e/o le politiche corporate dell’impresa verso la sostenibilità ambientale, sociale, economica).

Analizzando i consumi di cosmetici a connotazione naturale e sostenibile in Italia, nel 2021, emerge che un quarto del mercato sia costituito proprio da questi prodotti, per un valore superiore ai 2,6 miliardi di euro.

In particolare, è la grande distribuzione a registrare la maggior parte degli acquisti di cosmetici a connotazione naturale e sostenibile (40%); seguono le farmacie e parafarmacie (14,8%) e le erboristerie (14,2%). Considerando invece la ripartizione degli acquisti per famiglie di prodotto, i prodotti per il viso e per il corpo coprono il 41,1% dei consumi di cosmetici a connotazione naturale e sostenibile; al secondo posto i prodotti per l’igiene personale (corpo, bocca e bambini), con una quota del 14,9%, e al terzo il make-up e i prodotti per le mani (10,8%).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)