Rientro a scuola, riaperture diversificate e misure di sicurezza

Rientro a scuola, riaperture diversificate e misure di sicurezza

A settembre, come previsto, si torna a scuola e genitori e studenti si stanno preparando ad affrontare le consuete spese scolastiche in vista del nuovo anno: libri e correndo scolastico. Parola d’ordine, quest’anno, risparmio.

Tiendeo.it rivela i principali risultati di uno studio sulla pianificazione e previsione d’acquisto per il rientro a scuola, secondo cui risparmiare è diventata una condizione di primaria necessità in molte case.

Spese scolastiche, a caccia di offerte

Secondo l’indagine di Tiendeo.it il 69% degli intervistati afferma che cercherà più offerte  rispetto all’anno scorso, e infatti lo sta già facendo. Inoltre i consumatori si aspettano che in questa situazione eccezionale le marche e i negozi mostrino loro solidarietà, offrendo promozioni e sconti più sostanziosi per questo back to school.

Anche gli acquisti avvengono in anticipo e 7 famiglie su 10 hanno già iniziato a comprare, mentre il 7,8% preferisce aspettare l’inizio effettivo delle lezioni.

 

Spese scolastiche, i consumatori tendono al risparmio
Spese scolastiche, i consumatori tendono al risparmio

L’attenzione si concentrerà principalmente sui libri di testo (31%) e sul materiale di cancelleria (24%), a seguire abbigliamento e calzature (20%), che compongono la classifica dei prodotti più ricercati nel tentativo di ridurre al massimo la spesa.

“Gli acquisti scolastici quest’anno sono fortemente influenzati dalle promozioni lanciate dai negozi, proprio perché il prezzo diventa più che mai un fattore decisivo nel momento dell’acquisto, a causa dell’esigenza da parte delle famiglie italiane di ridurre i costi – spiega Jaume Molins, Country Manager di Tiendeo Italia. – Il retail deve rispondere a questa necessità e mantenere una comunicazione attiva con i suoi clienti attraverso il canale più utilizzato: l’online”.

Il ruolo del canale digitale

Secondo quanto rilevato da Tiendeo.it, l’aumento dell’uso del canale digitale, diventato protagonista nelle abitudini d’acquisto a causa del lockdown, si sta stabilizzando: ci troviamo quindi davanti a una tendenza che è arrivata per rimanere.

Circa la metà dei consumatori, infatti, realizzano online la pianificazione degli acquisti per il back to school, cercando in questo canale le migliori promozioni per risparmiare al massimo.

Inoltre, spiega Tiendeo.it, gli acquisti su internet sono aumentati e il 41% dichiara che comprerà parte del materiale scolastico necessario sfruttando questo canale, senza però togliere importanza ai negozi fisici, che continuano ad essere i principali centri d’acquisto. Il 41% prevede di realizzare la spesa scolastica nei centri commerciali in virtù dell’ampia gamma di prodotti offerti, mentre il 36% preferisce riporre la propria fiducia nei negozi specializzati.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)