Auto e vacanze, la sicurezza inizia dagli pneumatici

Pneumatici in perfetta efficienza sono una condizione fondamentale per la sicurezza del nostro viaggio, in particolare quando ci apprestiamo a raggiungere la meta delle vacanze in auto. E, purtroppo, la cultura alla prevenzione di questa componente non è ancora pienamente diffusa e ci sono tanti comportamenti potenzialmente pericolosi che gli automobilisti mettono in pratica, spesso inconsapevolmente. È la fotografia che arriva dalla nuova indagine Vacanze Sicure 2022, condotta da Assogomma e Federpneus con il Servizio Polizia Stradale proprio per far luce su questi aspetti.

Il ruolo degli pneumatici sulla sicurezza

Dopo una pausa forzata causa pandemia, quindi, è tornata per la diciassettesima edizione la campagna che mette sotto osservazione il rapporto tra automobilisti italiani e pneumatici, considerati il primo dispositivo di sicurezza attiva presente sui veicoli. Nonostante questo ruolo cruciale per la corretta circolazione e per la salvaguardia di tutti gli utenti della strada, però, i comportamenti fuori norma sono ancora tantissimi, come evidenziano i risultati dell’indagine.

In particolare, è la Polizia Stradale a sintetizzare che approcciarsi in modo superficiale al controllo delle condizioni degli pneumatici significa esporsi a rischi potenziali, un po’ come avviene per le scarpe che indossiamo ai piedi: se la suola è liscia, consunta e non aderisce al suolo, la persona dovrà mettere in conto che prima o poi cadrà per terra e si farà male.

Quindi, ogni aspetto che influisce sulla sicurezza stradale non va trascurato: guidare con pneumatici lisci, danneggiati, non conformi espone i conducenti a un elevato pericolo di incidente stradale e, al tempo stesso, costituisce un grave gesto di irresponsabilità. E dire che, al giorno d’oggi, ci sono modi semplici, veloci e convenienti per ridurre i rischi legati alle gomme “vecchie”, perché bastano pochi colpi di clic su Euroimport Pneumatici per trovare e comprare un nuovo set di pneumatici auto, che offriranno le giuste condizioni di garanzia prestazionale.

Le fondamenta della guida sicura

Proprio le tanto bistrattate ruote sono invece il punto da cui partire per attuare comportamenti ispirati alla cultura della guida sicura, e in particolare verificare l’efficienza delle gomme prima di mettersi in viaggio è una operazione prioritaria.

È sempre la Polizia Stradale, infatti, a ricordare che il livello di sinistrosità è direttamente proporzionale al livello di attenzione riposto sul tema della sicurezza stradale da tutti gli attori in campo, e che la responsabilità fa capo a ognuno degli utenti dalla strada, dal pedone al ciclista e fino al conducente di Tir.

Come detto, però, l’indagine rivela una realtà in cui gli automobilisti non sembrano sentirsi “chiamati in causa”, o quanto meno attuano dei comportamenti poco accorti e, in alcuni casi, letteralmente fuori legge.

Vacanze Sicure 2022, i risultati dell’indagine

I dati dell’indagine, basati su circa 13.500 controlli alle vetture eseguiti in 6 regioni italiane, mettono in luce gli aspetti più problematici e, soprattutto, confermano il rapporto direttamente proporzionale tra età dei veicoli e presenza di mancate revisioni, danneggiamenti dei pneumatici sulle spalle e disomogeneità per asse, che sono alcune delle “non conformità” più frequenti.

In particolare, la presenza di pneumatici lisci è una costante che si attesta mediamente al 9% per tutte le età dei veicoli controllati, mentre i veicoli con meno di dieci anni presentano problemi agli pneumatici (ivi compresa la mancata revisione) in un controllo su quattro (il 25% del campione), che per i veicoli con oltre dieci anni di anzianità sale a circa il 40% del campione, e quindi due auto su cinque.

Ancor più grave, sono aumentate sensibilmente le non conformità relative ai soli pneumatici: dal 2011 ad oggi sono stati controllati nell’ambito della Campagna Vacanze Sicure quasi 100.000 veicoli, e se al lancio della campagna c’era 1 veicolo con pneumatici non conformi, oggi ce ne sono 3,5. I veicoli con equipaggiamento non omogeneo sono quasi il 5% del campione, i danneggiamenti visibili ad occhio nudo sono presenti nel 5,4% del campione complessivo, le vetture fermate che presentavano pneumatici privi di omologazione sono circa il 3% del totale.

In sintesi, l’allarme che arriva dai promotori dell’iniziativa è duplice: tutti i dati sono in forte peggioramento, con un parco circolante sempre più vecchio e in pessime condizioni di manutenzione con problemi significativi alle gomme, ma soprattutto in estate ciò significa che ci sono maggiori rischi di sicurezza. La combinazione di caldo, lunghe percorrenze e sovraccarico delle auto tipica degli esodi estivi, unita a fattori come ernie o tagli profondi sul battistrada, possono avere un impatto negativo sulla sicurezza stradale, aumentando le probabilità di un cedimento strutturale della gomma (ovvero lo scoppio).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)