Covid, da oggi nuove Regioni in area gialla e arancione

Covid, da oggi nuove Regioni in area gialla e arancione

Da oggi, 1° febbraio, entrano in vigore le nuove misure di contenimento del contagio da Covid-19. Il 29 gennaio, infatti, il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato due nuove Ordinanze, in base ai dati e alle indicazioni della Cabina di regia. La prima ordinanza classifica in area gialla le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. La seconda classifica in area arancione Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano, oltre a confermare sempre in area arancione Puglia e Umbria.

Pertanto la ripartizione complessiva delle Regioni e Province Autonome prevede: in area gialla Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto. In area arancione: Provincia Autonoma di Bolzano, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria. Infine, nessuna Regione in area rossa.

Area gialla, norme sugli spostamenti

Nelle FAQ sulle misure adottate dal Governo sono consultabili tutti gli aggiornamenti in merito a ciò che si può fare e non fare in area gialla e arancione.

Per quanto riguarda gli spostamenti in area gialla, si ricorda che dal 16 gennaio al 15 febbraio 2021, è consentito spostarsi tra le ore 5.00 e le ore 22.00, all’interno della propria Regione o Provincia autonoma, nel rispetto delle specifiche restrizioni introdotte per gli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.

Mentre dal 16 febbraio al 5 marzo gli spostamenti tornano ad essere consentiti da e per tutte le regioni ubicate in area gialla (salva l’eventuale sopravvenienza di nuove disposizioni limitative).

Gli spostamenti verso altre Regioni o Province autonome sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Ma resta sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

 

Covid, nuove regioni in area gialla e arancione

 

Si può andare in ristorante?

All’interno dell’area gialla è possibile consumare cibi e bevande nei bar, nei ristoranti e nelle altre attività di ristorazione, dalle 5.00 alle 18.00. Negli stessi orari è consentita senza restrizioni la vendita con asporto di cibi e bevande.

Si ricorda, inoltre, che la vendita con asporto è possibile anche dalle 18.00 alle 22.00, ma è vietata in tali orari ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25).

La consegna a domicilio, invece, è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

Musei e cultura

Nell’area gialla riaprono anche i musei e i luoghi della cultura. Il servizio di apertura al pubblico è assicurato, dal lunedì al venerdì, con modalità di fruizione contingentata e nel rispetto delle misure anti-Covid. Alle stesse condizioni sono aperte al pubblico anche le mostre. Sono esclusi, dunque, i giorni festivi.

Nei teatri, sale da concerto, o altri luoghi analoghi, rimangono sospesi gli spettacoli dal vivo con presenza di pubblico. Ma resta confermata la possibilità di organizzare spettacoli da trasmettere in streaming o di utilizzare gli spazi come ambienti per riprese cinematografiche e audiovisive, nel rispetto delle misure di sicurezza.

Area arancione, gli spostamenti consentiti

Per quanto riguarda l’area arancione, dal 16 gennaio al 5 marzo 2021 è consentito spostarsi all’interno del proprio Comune tra le ore 5.00 e le 22.00, nel rispetto delle specifiche restrizioni introdotte per gli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.

Mentre gli spostamenti verso altri Comuni sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Resta comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Bar e ristoranti

A differenza dell’area gialla, nelle Regioni arancioni è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze.

Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, con alcune limitazioni:

  • dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni;
  • dalle 18.00 alle 22.00, è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25).

La consegna a domicilio, invece, è consentita senza limiti di orario.

Musei e cultura

In area arancione resta sospeso il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura (di cui all’articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Ma, come previsto per le zone gialle, nei teatri, sale da concerto o altri luoghi analoghi resta confermata la possibilità di organizzare spettacoli da trasmettere in streaming o di utilizzare gli spazi come ambienti per riprese cinematografiche e audiovisive, nel rispetto delle misure di sicurezza.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)